Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  L'anello forte. La donna: storie di vita contadina, di Nuto Revelli, edito da Einaudi 25/06/2023
 

L' anello forte.

La donna: storie di vita contadina

di Nuto Revelli

Edizioni Einaudi

Saggistica

Pagg. 536

ISBN 9788806238339

Prezzo Euro 15,50



La voce delle ultime fra gli ultimi



" Qui si è incominciato a star meglio nel 1956-1957. Ed a star bene dal 1960, con la grande emigrazione. Uh, tanti sono emigrati, un terzo del paese. Qui nel 1952 c´erano ottomila abitanti, oggi siamo quattromilatrecento. Ecco perché `ste ragazze non si sposano più al Nord. Il padre tiene la pensione, la madre anche, e qualche pezzettino di terra. La ragazza custodisce i vecchi, e mangia. Invece prima... (...)Ah, qui la vita è dura per la ragazza che non si sposa. Passati i quarant´anni diventa come un pezzo di legno (...)."



E´ indubbio come Nuto Revelli abbia sempre inteso dar voce ai poveri, agli umili, per portare alla luce la loro condizione che altrimenti potrebbe risultare ai più sconosciuta. Lo ha fatto con La guerra dei poveri, un conflitto visto dal basso, dove tanti poveri diavoli sono mandati al macello e che nello sfacelo di uno stato, minato alle fondamenta dalla vanagloria di pochi, ritrovano dentro di loro le radici della dignità di vivere, di quell´umanità che non è propria di chi li ha sacrificati inutilmente, esseri immondi che li hanno traditi e beffati; ne ha scritto poi con Il mondo dei vinti, vere e proprie testimonianze della vita contadina, una vita che ora non c´è più, un´esistenza misera di autentica sofferenza in un mondo dolente e pregno d´ignoranza, ma che comunque aveva dei valori oggi sconosciuti, univa persone dove oggi si dividono, trovava nel poco e nel pressoché niente il necessario per vivere.

Con L´anello forte proseguono le interviste di Revelli volte a far emergere un mondo che all´epoca non era proprio solo delle valli del Cuneese, ma di tutta l´Italia che popolava le terre brulle e le montagne, con la differenza che a essere interpellate sono solo le donne, vero punto di unione della società contadina, donne che partoriscono figli, li allevano, assistono i familiari anziani, lavorano in campagna e nella stalla, esseri che nonostante i sacrifici e le privazioni riescono ancora ad avere un po´ di dolcezza e che erano il catalizzatore di ogni famiglia che viveva della terra.

Revelli, con il suo magnetofono, ha raccolto ben duecentosessanta testimonianze, di cui sessanta di donne che provengono dal Meridione e che si sono accasate sposando dei piemontesi. Il tutto è avvenuto negli anni sessanta, quelli famosi del miracolo economico, delle fabbriche che reclamavano gli operai (nel Cuneese avevano piantato le fondamenta aziende come la Michelin e una Ferrero che era ancora ben lungi dal diventare la padrona del cioccolato). La mano d´opera veniva dalle campagne che si spopolavano, interi villaggi diventavano deserti, restavano sulla terra solo anziani e donne, a penare per mettere in tavola la minestra, donne coraggiose, anche se non avevano altra prospettiva che non quella di dissanguarsi per strappare ai campi il minimo necessario per vivere. In pianura c´era un mondo che si urbanizzava, in collina e in montagna ce n´era uno che si spopolava.

Nasce così un cimitero della storia, una Spoon River dei contadini, uno squarcio su un mondo che sta per scomparire, condannato dal fatuo benessere dell´attività industriale.

Le donne diventano delle eroine, il collante di un mondo che ne impedisce la scomparsa, perché la terra è avara, ma le donne sono ancor più avare e non vogliono liberarsi di quella galera che è anche le radici della loro esistenza.

L´anello forte è un capolavoro, è l´unica possibilità di dar voce a chi voce non ha e che nel silenzio, nella fatica di vivere realizza la sua dignità.




Nuto Revelli (Cuneo, 1919-2004), ufficiale degli alpini in Russia e protagonista della Resistenza nel cuneese, si è battuto per anni per dare voce ai dimenticati di sempre: i soldati, i reduci, i contadini delle campagne piú povere. Tra i suoi libri, tutti editi da Einaudi, La guerra dei poveri (1962), La strada del davai (1966 e 2010), Mai tardi (1967 e 2008) , L'ultimo fronte (1971 e 2009) , Il mondo dei vinti(1977), L'anello forte (1985) Il disperso di Marburg (1994 e 2008), Il prete giusto (1998 e 2008), Le due guerre (2003 e 2005). 


Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 014285194 »