Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Ogni giorno cerco di capire, di Carla De Angelis, edito da Fara 03/05/2024
 

Ogni giorno cerco di capire

di Carla De Angelis

Versione spagnola a fronte della stessa Autrice

Fara Editore

Poesia

Pagg. 80

ISBN 978-88-9293-049-0

Prezzo Euro 12,00



Con schiettezza



Della poesia di Carla De Angelis non si può non apprezzare la semplicità, il modo di comunicare il più chiaramente possibile, evitando eventuali fraintendimenti, una poesia che potremmo definire di autentica schiettezza. La poetessa non si cela dietro frasi criptiche, apre il suo animo al pieno sole, insomma è da tanti anni che leggo le sue opere e queste caratteristiche, che ritengo notevolmente positive, non sono mai venute meno. Il suo modo di esprimersi in versi ha affrontato diverse tematiche, ma tutte derivano dall´osservazione del mondo che ci circonda, che dà luogo a inevitabili riflessioni di cui verseggiando ci rende partecipi; oppure si tratta di eventi per niente straordinari, tranne per chi ne è parte, come può essere la morte di una persona cara o anche la nascita della propria prole. E un esempio di questi, anzi due esempi li possiamo trovare nei versi che seguono, così per il primo mi sembrano chiaramente esplicativi questi: I semi sparsi al vento sanno dove cadere / germinano al sole e all´ombra / nell´acqua e nello stagno asciutto / non smarriscono il percorso; per i secondo invece questo Ricordo è di una tenerezza disarmante: Ricordo i giorni i mesi l´attesa / il primo pianto il sorriso / le parole / i primi passi la corsa / l´alfabeto i libri gli esami / i giorni passati a studiare a giocare a ballare / ieri, oggi e domani, punto a capo. / / È il nostro segreto.

Eppure, ciò che può stupire e che forse non ci si aspetta, sono alcune riflessioni che, pur nella loro semplicità di esposizione, esprimono grandi concetti, come questo, dove dimostra che la vita in comune è comunicazione, è un do ut des inconsapevole, ma che è alla base di ogni civiltà, perché si tratta di flussi di conoscenza di cui siamo soggetti attivi e passivi: Lungo la strada lascio parole pensieri / azioni che altri possono raccogliere./ /Altri lasciano parole pensieri e azioni / che raccolgo come fossero perle.

Ho più volte riscontrato nelle sue sillogi, apparentemente senza pretese, questa capacità di essere presente nel mondo sotto un alone di umiltà, quasi fosse timorosa di disturbare, ma non c´è nessun disturbo, troviamo invece una voce sincera di un essere sensibile capace di vedere, di ascoltare, di offrire un punto di vista razionale, e pur poetico, come se Carla De Angelis ci venisse a dire: "Questo mondo è anche il mio, ci sono anch´io, busso alle vostre porte per aprirvi la mia.".

Da ultimo, una chicca, perché non ci sono solo poesie in questo libro, ma ci sono anche dei racconti brevi che l´autrice chiama racconti flash, poche righe, un´istantanea, opinioni personali liberamente espresse, insomma un altro modo per comunicare.

Da leggere, mi sembra ovvio.




Carla De Angelis è nata e vive a Roma. Suoi testi sono presenti in riviste e opere collettanee edite da Perrone, Estroverso, David & Matthaus, Limina Mentis, Delta3, Pagine, Aletti, Fara. Nel 1995 il Presidente della Repubblica le ha conferito l´onorificenza di Cavaliere. Con Fara ha pubblicato in poesia: Salutami il mare (2006), A dieci minuti da Urano (2010), I giorni e le strade (2014). Nel 2011 esce Mi vestirei di mare (Progetto Cultura). Ha ideato e cocurato le antologie Corviale cerca poeti per la Biblioteca "Renato Nicolini" di Roma e, con Stefano Martello, per Fara, i saggi Diversità apparenti (2007), Il resto (parziale) della storia (2008), Il valore dello scarto (2016). Sempre con Fara ha poi pubblicato: Mi fido del mare e nel 2019 Fra le dita una favilla sembra sole e, nel 2021, Tutto il tempo sul petto. Poesie (2006-2021). È inserita ne Le ali della terra. Altre poetesse fuori dal coro (a cura di Marco Onofrio, EdiLet 2021). Nel 2021 è stata nominata Accademico de "Il Convivio".


Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 014314844 »