Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il sergente nella neve, di Mario Rigoni Stern, edito da Einaudi 20/06/2008
 

Il sergente nella neve

di Mario Rigoni Stern

Edizioni Einaudi

Narrativa romanzo

Pagg. 128

ISBN: 9788806193041

Prezzo: € 8,50

 

Sergentmagiù ghe rivarem a baita?” ripete spesso l'alpino Giuanin, rivolgendosi al sergente maggiore Mario Rigoni Stern.

In terra di Russia andarono in molti e ben pochi tornarono, e fra questi superstiti c'è stato anche Mario Rigoni Stern, che in questo suo romanzo d'esordio ha voluto raccontare che cosa realmente accadde.

Non crediate però che si tratti di un racconto memorialistico, perché va ben oltre il pur riuscito intento di spiegarci la famosa e tragica ritirata dell'ARMIR.

Le grandi qualità di scrittore di Mario Rigoni Stern sono già evidenti in questo suo primo libro, le stesse che, in occasione della recensione del suo ultimo lavoro (Stagioni) mi hanno indotto scrivere che ci trovavamo di fronte a un capolavoro, e lo è anche questo.

Quando a distanza di anni, non pochi, anzi molti, si rilegge un romanzo e si provano le stesse emozioni d'un tempo è perché quel testo ha mantenuto immutata la sua bellezza e ciò avviene solo quando si tratta di un'opera di elevatissimo valore.

L'autore ha saputo ricreare l'atmosfera in modo tale che il coinvolgimento è totale; si legge, e poco a poco si è presenti al caposaldo, ci si trova intorno al tagliere con la polenta di segale, si vivono le pericolose ore dello sganciamento, e infine si cammina, si combatte, si patisce la fame, si soffre il freddo, si prova l'angoscia della lunga ritirata.

Già questo è molto, ma Il sergente nella neve è assai di più, è un'opera dove è sempre presente la natura, ammirata anche quando è inclemente e con pagine in cui si respirano lo sgomento e l'attrazione per la grandezza nell'universo, ed è inoltre un'ode sommessa a una virtù ormai purtroppo desueta, la pietà.

Così, fra un combattimento e l'altro, descritti magistralmente, c'è il tempo per le riflessioni di fatti appena accaduti e che nel trascorrere del tempo  (l'opera verrà ultimata qualche anno dopo quel tragico 1943) si sfumano per scoprirne gli aspetti più reconditi. E' il caso del pasto consumato in un'isba insieme a dei soldati russi, in una pausa della battaglia di Nikolajewka. Al riguardo la riflessione di Stern è quanto semplice ed efficace: “In quell'isba si era creata tra me e i soldati russi, e le donne e i bambini un'armonia che non era un armistizio. Era qualcosa di molto di più del rispetto che gli animali della foresta hanno l'uno per l'altro. Una volta tanto le circostanze avevano portato degli uomini a saper restare uomini.

C'è tutto il senso della pietà, prima per se stessi e poi per gli altri, c'è quella comprensione della propria e dell'altrui debolezza,  c'è una ritrovata umanità che supera ogni barriera e confine.

E' un grandissimo messaggio di pace di un uomo che, partito volontario per la guerra, ne ritornerà maturato, ma soprattutto consapevole dell'autentica dignità di ogni essere umano.

Quello che poi sorprende in questo primo romanzo è la capacità di prosa poetica che ha l'autore, con quelle descrizioni brevi, ma ispirate, del firmamento, del Don, della pianura ghiacciata. Sono stacchi che non sono avulsi dalla narrazione, ma che si innestano nella stessa in modo preciso e solo quando serve, a riprova di un'esperienza professionale innata.

Al riguardo Rigoni Stern si supera nelle ultime pagine con quella ritrovata serenità nel caldo di un'isba e con le ragazze russe che filano la canapa cantando le loro canzoni popolari.

Mi raccomando di leggere le sei righe finali, perché anche in voi entrerà dolcemente questa serenità.

Giuanin e tanti altri non sono tornati, ma hanno trovato la loro baita nella steppa russa.

Mario Rigoni Stern, che ha avuto la fortuna di uscirne vivo, non ha voluto dimenticare, anzi ha voluto ricordare soprattutto a noi l'insensatezza della guerra.

E' un libro che non si può non leggere e che rientra, giustamente, fra i grandi romanzi pacifisti, con pari dignità del più famoso Niente di nuovo sul fronte occidentale, di Erich Maria Remarque. 

 

Mario Rigoni Stern (Asiago, 1921 - 2008).

Ha scritto Il sergente nella neve (1953), Il bosco degli urogalli (1962), Quota Albania (1971), Ritorno sul Don (1973), Storia di Tönle (1978) (Premio Campiello e premio Bagutta), Uomini, boschi e api (1980), L'anno della vittoria (1985), Amore di confine (1986), Il libro degli animali (1990), Arboreto selvatico (1991), Le stagioni di Giacomo (1995) (Premio Grinzane Cavour), Sentieri sotto la neve (1998), Inverni lontani (1999), Tra due guerre e altre storie (2000), L'ultima partita a carte (2002), Aspettando l'alba e altri racconti (2004), I racconti di guerra (2006), Stagioni (2006).

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014285132 »