Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Se questo è un uomo, di Primo Levi, edito da Einaudi 27/06/2008
 

Se questo è un uomo

di Primo Levi

Postfazione di Cesare Segre

Copertina di Fabrizio Farina

Einaudi

Narrativa romanzo

Pagg. 209

ISBN: 9788806176556

Prezzo: € 9,80

 

Ancor oggi, anzi ora più che in passato, ci sono non pochi che dubitano che vi sia stato effettivamente l'olocausto. Accanto a quelli che per ideologia lo negano ci sono molti scettici e, purtroppo, tanti, troppi agnostici che si disinteressano completamente del problema.

I giovani, poi, nati molti anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, ne hanno una vaga conoscenza, spesso maturata visionando pellicole sull'argomento, con il risultato che un'immane tragedia sta per venire sepolta dalla polvere del tempo e dell'indifferenza degli uomini.

I campi di sterminio, i famigerati lager non sono purtroppo una leggenda, ma una realtà che non deve essere dimenticata.

In questo senso la lettura di libri come Se questo è un uomo di Primo Levi non solo è opportuna, ma indispensabile e dovrebbe essere oggetto degli studi scolastici, per sapere, per capire, per evitare che un giorno ci siano nuovi olocausti.

Ogni volta che lo apro, che ne scorro le pagine soffermandomi su un punto o sull'altro, ritrovo l'emozione provata nel corso della prima lettura, perché il pregio della narrativa di Levi è di essere non romanzata, ma la descrizione della pura e semplice verità. L'autore, che racconta in prima persona essendo stato rinchiuso ad Auschwitz, non ricorre all'enfasi, né va alla ricerca della facile commozione, ma, con tono quasi distaccato, parla della sua esperienza e, pur descrivendo sofferenze e patimenti, ha il pregio di effettuare riflessioni che donano all'opera una valenza generale, non limitandola a una dolorosa esperienza personale.

In lui c'è pacatezza, desiderio di comprendere per rendere partecipe il lettore di una grande tragedia che supera ogni umana immaginazione.

Le lunghe giornate invernali, coperti da abiti che non riparano dal freddo, l'alimentazione insufficiente, i carichi di lavoro eccessivi, la spersonalizzazione dell'individuo che perde il suo nome, sostituito da un numero tatuato sul polso, portano in pochissimo tempo a un generale abbrutimento, in uno stato quasi vegetativo, dove ciò che conta è solo il presente, essendo il futuro anche prossimo del tutto inimmaginabile. E' in queste condizioni che all'eccesso emergono le caratteristiche degli individui.

I deboli si lasciano andare, sono le vittime designate delle prossime selezioni fra chi ancora potrà vivere e chi invece sarà avviato alle camere a gas.

I raziocinanti rafforzano il loro spirito di conservazione e operano per sopravvivere giorno per giorno, per lavorare meno, per mangiare un po' di più, arrivando perfino al punto di collaborare con l'aguzzino. E se fra questi la quasi totalità cerca di instaurare un rapporto con il carnefice che gli consenta di tirare ancora un po' avanti, ce ne sono altri che, per attitudini, diventano simili alle crudeli SS e questi sono i Kapò, indispensabili peraltro nella gestione del campo di concentramento, vigilato da un ristretto numero di militari nazisti.

Levi ci descrive così una varia umanità, per lo più cenciosa, spettri che si agitano nelle tormente di neve, che s'impantanano nel fango primaverile, che boccheggiano nell'arsura estiva, tutti figuranti di una danza macabra che porterà all'annientamento della dignità umana e alla distruzione del Terzo Reich.

Ci sono pagine che non si possono dimenticare, sopra tutte le ultime, con i russi ormai alle porte e con i nazisti che eliminano gli ultimi prigionieri rimasti, fatta eccezione, per un motivo che non si saprà mai, per i ricoverati nell'ospedale da campo, forse perché ritenuti insanabili. Fra questi c'è l'autore che, questa volta con una commozione che passa dalla pagina all'animo del lettore, ci racconta delle giornate di ritrovata libertà nell'attesa dell'arrivo dell'Armata Rossa. E' forse l'unico momento in cui, ipotizzando un futuro, l'uomo non è più così pragmatico e l'essere consapevole di esistere ancora, nonostante tutto,  lo porta a scrivere della penosa fine di alcuni suoi ultimi compagni di sventura. Riaffiora così, se pur frenata, la pietà “Somogyi si accaniva a confermare alla morte la sua dedizione.”

Se questo è un uomo è un capolavoro?

Lo è, per lo stile narrativo, per il modo di affrontare il tema trattato, per la capacità dell'autore di raccontarci la pura e semplice verità, pur essendo parte della vicenda.

 

 

Primo Levi (1919 – 1987). Ha scritto anche La chiave a stella, I sommersi e i salvati, Se non ora, quando?, Il sistema periodico, I racconti, L'altrui mestiere, La ricerca delle radici, La tregua, L'ultimo Natale di guerra e Dialogo (con Tullio Regge).     

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014315137 »