Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Editoriali  »  Sterminare la famiglia leggendo Nietzsche, di Ferdinando Camon 12/12/2014
 

Sterminare la famiglia leggendo Nietzsche

di Ferdinando Camon

 

 

Quotidiani locali del Gruppo "Espresso-Repubblica" 4 dicembre 2014
 

 
Ma che ci fanno le parole di Nietzsche nel cranio di un ricchetto del Nord-Est, dell'età di 62 anni, sposato con una filippina di 56 e padre di un ragazzo di 24? Quest'uomo ha prima sgozzato il figlio che stava dormendo, poi ha atteso che rientrasse in casa la moglie che stava nel cortile a stendere i panni ad asciugare, e l'ha massacrata colpendola cinque volte alla testa con una mazza. Infine è salito su in mansarda, ha agganciato la corda a una trave, e s'è impiccato. Una famigliola benestante e apparentemente felice distrutta in un amen con bieca ferocia. Nessuno dei tre aveva problemi economici. Anzi, dice la gente, “i sé pien de schei”, beati loro. Nessuno aveva una doppia vita, che si sapesse (per quanto, la doppia vita non si sa mai). E il figlio aveva un lavoro, che di questi tempi è una fortuna, e per di più un lavoro su misura, che è la fortuna più grande: studente universitario di enologia, lavorava da enologo. A spiegare la strage non c'è niente di niente: non una lettera, non un biglietto, non una frase, non una parola. Il quadro della famigliola mostrava una serenità paradisiaca. In quel paradiso, ieri, spuntava una traccia inquietante, che forse non significa niente, ma poiché siamo immersi nel buio anche un piccolo lumino attira i nostri occhi: l'uomo leggeva Nietzsche. Che ci sta a fare Nietzsche, il filosofo più conturbante del pensiero occidentale, e più controverso, che viene letto anche come “Anticristo”, nemico del Cristianesimo, dell'amore per i poveri, i deboli e i perdenti, nemico del “Tu devi” e teorico dell'“Io voglio”? Che ci sta a fare nella vita quieta, senza scosse, di un agiato padroncino, che governa la sua famiglia come un'azienda? Nietzsche è una bomba a mano senza sicura. Se uno la maneggia con imperizia, esplode e combina devastazioni. Nella vita dei ragazzi di liceo c'è un prima e un dopo l'incontro con Nietzsche. Nietzsche gli scarica nel cervello messaggi traumatici ed oscuri, li consegna con un linguaggio ispirato e definitivo, e quei messaggi fermenteranno nella mente di chi li riceve fino alla fine dei suoi giorni. Lo studente diventando uomo dimenticherà un po' alla volta le teorie del Capitale, i gradi dello Spirito, la Ragion Pura e la Ragion Pratica, il Fenomeno e il Noumeno, ma ogni tanto gli balzeranno davanti i messaggi Dio è morto, Tu Devi non esiste più, Io Voglio decide tutto, le miserie e i miserabili “sono i vermi nel pane della Vita”, lo Spirito Cristiano è lo Spirito del Cammello, che prima di partire per il deserto vuol caricare su di sé i pesi più pesanti. Allo Spirito cristiano del Cammello deve seguire lo Spirito del Leone, che fa quel che vuole. È questo il momento, predicava Nietzsche. No, il momento è questo, correggeva Hitler, che al primo incontro con Mussolini gli portava in dono le opere di Nietzsche rilegate in pelle. È una questione controversa, ma Hitler voleva imporre sul mondo la propria volontà di potenza, e la pescava (forse sbagliando ma forse no) nel sistema di Nietzsche. Era convinto di ricreare la figura del Superuomo nicciano con la figura delle SS, che possono anche fare cose atroci ma hanno dentro di sé una legge morale che le assolve. Forse Hitler non capiva niente di Nietzsche (è possibile), ma così lo capiva e così tentava di realizzarlo. Magari solo per questo fraintendimento, non si può dire, come dice il mio amico Gianni Vattimo (il più grande dei filosofi italiani viventi, l'unico che abbia creato un sistema), che “la filosofia è quella cosa con la quale o senza la quale nulla cambia”. Senza Marx non cambiava nulla? E senza Nietzsche? Può darsi che la lettura di Nietzsche non sia la causa che ha scatenato il disordine nel cervello del padroncino di Refrontolo. Io ne sono convinto. Ma certo non ha contribuito a metterci un po' d'ordine.

 

www.ferdinandocamon.it

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014019376 »