Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Editoriali  »  La famiglia americana tutta armata, di Ferdinando Camon 04/01/2016
 

La famiglia americana tutta armata

di Ferdinando Camon

 

 

"Avvenire" 8 dicembre 2015 

 

Esce sui giornali del mondo la foto a colori di una famiglia americana con tutti i suoi componenti armati. Chi ha una pistola, chi un fucile, chi un fucile a pompa. Ma alcuni giornali, anche in Italia, commettono un errore: tagliano la parte bassa della fotografia, per mostrare soltanto le figure umane dritte in piedi, in armi. E così il messaggio è: «Guardate com'è ridotta una famigliaando Camon-tipo americana, si devono armare tutti, anche i ragazzini, stanno disarmati soltanto i neonati, in braccio agli adulti». Ma la parte bassa della foto, postata dalla madre di famiglia sulla sua pagina di Facebook, porta una scritta interessante. Dice, in inglese: «Buon Natale / Dalla mia famiglia alle vostre, Buon Natale e Felici Feste / Michele Fiore». Michele Fiore è la donna, madre, deputata del Nevada, 45 anni, bionda, che sta al centro del quadro, e ha pensato e realizzato tutto. Dunque, questa è una cartolina natalizia, dice com'è diventato il Natale quest'anno, cosa bisogna fare perché sia un Natale felice. E cosa bisogna fare? Armarsi. Sono tutti armati, i membri di questa famiglia, e perciò sono felici. Le armi la rendono euforica. Sorridono tutti, nessuno escluso. È una foto storica. Quando si parlerà di terrorismo in America, di Al Qaeda, di Isis, questa foto salterà fuori. Quando si parlerà di armi, se lasciarne il libero acquisto o legalizzarlo e restringerlo, questa foto salterà fuori. «Se vuoi essere sicuro - dice questa foto – àrmati e difenditi. Non contare sulla polizia, non contare sullo Stato. Se in casa siete in dieci, di cui solo tre sotto i sei anni, dovete avere sette armi».
Tutti i membri di questa famiglia, anche i piccolissimi, quelli senza armi, sono in maglia o camicia rossa. È una divisa. Questa famiglia è un reparto militare in uniforme. Essendo in dieci, formano una squadra. La madre capo-famiglia è il sergente capo-squadra, è lei che comanda il gruppo, e infatti ha un'arma che la distingue, il fucile a pompa. Alla sua sinistra un'altra donna adulta, impugna un mitra corto, da paracadutisti. Le due donne (come accade spesso alle donne che impugnano armi) commettono un errore: tengono il dito sul grilletto. Non si fa mai, quando si è in posizione di riposo, solo quando si è in prima linea. Col dito sul grilletto, basta una minima contrazione nervosa e parte il colpo. Roba da Corte Marziale. Ma qui vogliono dire: «Siamo prontissime a sparare, anche subito». Cioè: prima che ci sparino gli altri. Come dicono i marines in Full Metal Jacket: «Dobbiamo sparare per primi, e uccidere il nemico prima che lui uccida noi». Proponendosi come modello, questa famiglia super-armata dice: «Ogni famiglia faccia come noi», diventi una squadra. Tre-quattro squadre fanno una compagnia, tre-quattro compagnie un battaglione. È la pace, questa? La sicurezza? La salvezza delle vite? Al contrario: la foto non è una risposta alla strage di San Bernardino, ma la precede: fu postata prima. E non è servita: la strage c'è stata. Quattordici morti. Continuando così, arriverà il momento che questa o un'altra famigliola americana lancerà una nuova cartolina d'auguri, con tutti i famigliari armati in parata e davanti a loro, steso a terra, il cadavere del nemico ucciso. Se fosse un bisonte o un elefante, qualcuno ci metterebbe un piede sopra. Il regista John Ford diceva: «Se all'inizio di un film si vede un fucile, alla fine del film quel fucile deve sparare». Il film sull'Islam è cominciato, e il fucile l'abbiamo visto. Anzi, tanti fucili.

 

www.ferdinandocamon.it

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014248524 »