Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Gli occhi dei gigli selvatici, di Tiziana Monari 15/07/2021
 
Gli occhi dei gigli selvatici

di Tiziana Monari




Ed il nonno

l’ombra che cadeva ogni sera sulla fronte

il ceppo che scoppiettava nel camino

mi raccontava del grande inganno

del carro che arrivava dopo il tramonto

delle luci che si spegnevano nelle case basse

e c’erano urla

un tempo assetato, l’afflato dell’odio

la furia cieca che calpestava i confini


ed il nonno che amava la falce ed il martello

mi raccontava degli occhi pallidi dei gigli selvatici

dell’osceno grido del cuculo

dei profili in controluce

dei prati fioriti dove si compivano eccidi, stupri,violenze

delle notti insonni, dell’ingiuria del sole

della neve che cadeva sulle ossa sfinite


ed ora in questo paese con i briganti nascosti nel cuore

senza l’azzurro chiaro del cielo

con i testamenti chiusi in cantina


ricordo le sue parole che morivano piano dentro al bicchiere del Chianti

e sento solo il letargo del cuore

l’approdo di quel nero rapace


in questa Italia sferzata dai fulmini

tormentata da un inverno crudele

che trattiene l’ignoto

e lentamente annuncia tempesta.

 
©2006 ArteInsieme, « 011170777 »