Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Paese senza nome, di Michael Santhers 06/10/2023
 

Paese senza nome

di Michael Santhers



Sciatto,sbracato nel mare

che ai piedi sembra frenare

per non essere contaminato

da letargie e umori nefasti


Porro screpolato

seccato dal sole

e i dirupi adombrano mosche

suonano bizzarrie del vento

richiamo di gazze e cornacchie

plananti su rosari

imbrogliati da pollici


Sbuffa una fontana muschiata

ha una vena pressata da camion

e qualche bottiglia derisa

assetata solo si lava

allora concave mani di vecchi

fanno un laghetto alla bocca

e la legano alle scarpe

con fili d'argento


Turisti, emigranti tornati

trasognanti raccontano cose mai viste

ma chi l'ascolta ci crede

il solo modo per sfuggire alla noia


Da lontano, accento scrollo di sguardo

su onde che cullano plastica

qualche barchetta

con reti zavorrate ai fondali

mentre i pescatori con berretti al contrario

doppiano racconti di vino

e ogni tanto si fermano

per additare una donna

che cammina sull'acqua


Tra faro e tramonto

l'arcobaleno cucito da gabbiani

ponte a speranze e addii


Da Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie


 
©2006 ArteInsieme, « 013815624 »