Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Prajapati, di Daniela Raimondi 24/11/2023
 

Prajapati *

di Daniela Raimondi



Un chicco d´orzo nel cuore

reggeva l´equilibrio del mondo.

Lui era il tempo, lo spazio ventoso,

la stampo perfetto che forgia ogni cosa.

Intorno al suo corpo tutto ardeva

in un perenne rincorrersi di buio e di venti.


Dal suo cuore sgorgava ogni forma di vita,

una pace precedente a ogni umana esistenza.

Padre di ogni solitudine

creò trentatré maschi senza capezzoli.

Quindi creò lo splendore del mondo

e come ultimo atto

creò l´occhio nero nel centro del sole

che ancor oggi chiamiamo

con il nome di morte.


L´ultimo soffio di vita già lo lasciava.

Le giunture dolevano,

ma egli non cessava di procreare.

Nel suo coito infinito

produsse il mondo terreno,

poi il cielo, e l´inferno.


Alzò le braccia

e la luce scese dalle sue ascelle,

e la luce formò gli astri

e dagli astri nacquero le stelle:

sette sfavillanti disegni

sul nerissimo fondo dell´universo.

E quanti i suoi pori, tante le stelle

e tante le ore di desolato silenzio.


Passarono mille anni di buio.

Poi, dal più profondo del cielo,

cadde la pioggia,

si alzò il primo soffio di vento.


* Nella religione induista, Prajapati, che in sanscrito significa `Signore delle Creature´, è la divinità che presiede alla procreazione ed è protettore della vita.


Da I fuochi di Manikárnica - Sanskrit (india) - (puntoacapo, 2020)


 
©2006 ArteInsieme, « 013807395 »