Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Si recitava il “Requiem”, di Tarana Turan Rahimli 15/05/2024
 

Si recitava il "Requiem"

di Tarana Turan Rahimli



Dentro il silenzio della notte

Si recitava il "Requiem"-

Come la ninna nanna dell'ultima notte.

Quel cuore batteva

All'interno di voci misteriose.

Superava i limiti del tempo,

Superava i confini

In tutto il globo

Si stava recitando il "Requiem".


Le note avvolte dalle fiamme,

Le dita di Mozart

Bramanti i tasti del pianoforte

Sono state avviluppate dal fuoco.

Le sue labbra che la morte ha lasciato

Dopo averle baciate di nascosto

Sussurravano ancora

Suonando "Requiem".

Il buio della notte

Puzzava di angoscia e dolore.


Il suono scendeva in un pozzo,

E a volte emergeva in superficie.

Il destino del giorno che stava per esplodere

È stato scritto al momento giusto.

Il cuore del compositore

Annoiato

Stava suonando il "Requiem"

per l'ultima volta.


Mancava meno tempo al mattino,

Quel cuore aveva plasmato la sua essenza

Sui suoni.

La sua faccia impallidì

Segni di un bacio sulle labbra

Mozart sorrideva

Alla ninna nanna dell'ultima notte.


Da Ho amato persino la pietra (Il Cuscino di stelle, 2023)

 
©2006 ArteInsieme, « 014284930 »