Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Gli amanti del mattino, di Giuseppe Carlo Airaghi 30/05/2024
 

Gli amanti del mattino

di Giuseppe Carlo Airaghi

 

 

Fidandosi della parzialità dei propri sguardi

i due amanti sulla panchina

si illudono di sedere in un idillio

dove lui può poggiare la mano

sul ginocchio consenziente di lei

(fantasticando di alzarle la gonna

f in oltre le mutandine che immagina rosa).

 

Lei indica il grano già verde

oltre la roggia e la cadenza dei tigli,

lui bestemmia gli insetti molesti

e il f iato caldo di un maggio anormale.

Capiamo bene che non si capiranno mai.

 

Se non fosse per le grida dei bimbi,

liberati a sfogarsi in giardino,

si convincerebbero davvero

(malgrado le grammatiche non condivise)

di sedere dentro un paesaggio

dipinto soltanto per loro.

 

"Lancino in aria ora le loro grida di vittoria,

ora che ancora possono,

ora che ancora la vita non li ha ammaestrati"

pensa lui ma non lo dice

(non si può criticare l´infanzia

senza apparire privo di cuore).

 

"Non è necessaria alcuna approvazione

dell´amministrazione comunale"

pensa lei meditando la fuga

"per aprirsi un sentiero tra l´erba alta

dietro quello che resta della cascina,

per andarsi a cercare il silenzio

di cui abbiamo evidente bisogno".

 

Da Quello che ancora restava da dire (Fara, 2020)

 
©2006 ArteInsieme, « 014402688 »