Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  Rosa, di massimolegnani 24/04/2021
 
Rosa

di massimolegnani



Le cuffiette nelle orecchie, un berretto di lana calcato in testa fino alle sopracciglia, Rosa pedalava forsennatamente, come a voler volare via da lì.

Per non sentirsi criceto sulla ruota si concentrò sulla musica, Bibier alternato a Bach, Freddy Mercury a Monteverdi, un’accozzaglia di generi contrastanti, come un gelato di stracciatella e limone, che però sembrava funzionare. La musica, oltre ad accompagnarla piacevolmente, la strattonava da uno stile all’altro impedendole di soffermarsi su un pensiero sdrucciolo o su un panorama poco entusiasmante. Ma a un certo punto Rosa cedette di schianto alla fatica, chinò la fronte sul manubrio e aprì gli occhi. Sotto di sé vide il pavimento della sua camera. Per forza di cose non si era potuta muovere da lì con la sua cyclette. E allora sparì all’improvviso la magia dell’aria sulla quarta corda, svanì l’atmosfera trascinante di innuendo dei Queen.

Rosa si tolse con rabbia gli auricolari e gettò via il berretto che l’aveva fatta sudare. Il tentativo di astrarsi, grazie alla musica, dal luogo statico e dal pensiero molesto di Giacomo era fallito. Cambiò strategia: piena consapevolezza di quanto stava facendo e se il ricordo del suo ex la ossessionava, va bene, non si sarebbe più sottratta, ma avrebbe deciso lei come e cosa riportare a galla. Scrollò i capelli, si mise una salvietta di spugna attorno al collo e nel silenzio assoluto della sua stanza riprese a pedalare, questa volta con lentezza, pilotando bicicletta e memoria verso un piacevole approdo. In fondo con Giacomo erano stati tanti i momenti felici, solo l’epilogo era stato disastroso. Ma l’epilogo, quando ci si arriva, è di per sé stesso disastroso, da qualunque dei due versanti lo si viva. Così Rosa recuperò nella mente il Giacomo estroso dei bei tempi e lo immaginò seduto sul letto a farle compagnia mentre lei s’impegnava a fare il criceto. Conosceva bene le sue parole ironiche prive di cattiveria e i suoi sguardi non sempre ortodossi, a volte proprio malandrini. Sorrise Rosa e lanciò uno sguardo al letto, inventando una schermaglia, tutta vissuta nella sua testa:


mi piace come scodinzoli quando ti alzi sui pedali

sempre a guardarmi lì, tu

bè, è un bel posto dove guardare

per un inguaribile depravato come te, sì!

ma dai, ammettilo che i miei occhi indisciplinati ti inorgoglioscono

ebbene sì, in fondo pedalo per migliorare il panorama offerto al tuo sguardo

è già buono così, fidati. Ma tu continua a pedalare, che mi piaci.


Rosa proseguì nel suo allenamento in scioltezza fino al tempo stabilito. Alla fine si sentiva affatticata e soddisfatta. Nel frattempo aveva lasciato svanire senza rimpianti l’immagine di Giacomo e la sua voce, come azzerare progressivamente il volume della radio per dedicarsi ad altro. Però magari a sera l’avrebbe cercato per confidargli quella fantasia, come una complicità che resta, anche quando il tempo massimo è scaduto.



 
©2006 ArteInsieme, « 014136321 »