Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  La casa senziente di Carlo Trotta 09/07/2006
 

LA CASA SENZIENTE

 

 

 

“Lui” sarei io.

L'intervistatore sarei io.

Tutto il resto é.

“Io” non sono colui che scrive,

sono un personaggio creato,

costruito,

al pari di una lampada.

 

      

La lampada

 

i): Cosa ne pensi di lui?

l): Ha orari strani, mi fa lavorare anche di giorno, e mi ha collegato a una doppia spina assieme a televisione e computer. Un bastardo. Spesso mi lascia accesa per ore senza nemmeno stare in camera, come un bambino seduto in un aula vuota a guardare una lavagna nera. Io sono quel bimbo, e per quella lavagna è sempre giorno. Lo odio, ma è il mio padrone, forse morirò prima di lui, o mi capiterà padrone peggiore, quindi…

 

Il televisore

 

t): Io ne vedo tante, ne vedo proprio tante di cose strane, ma una persona così non pensavo esistesse.

i): Si spieghi meglio.

t): Io vedo continuamente migliaia di uomini, stupidi e intelligenti, belli o brutti, stanno tutti dentro di me e hanno una logica, un senso, significati spesso semplici ma per me mai banali.

Chi vede in me spesso riflette, ride, si confronta. Io pensavo di avervi capito, ma lui è diverso.

Lo vedo nel suo sguardo perduto, lui non guarda me, guarda oltre, e pensa cose che non ho i mezzi per capire. Io ho visto sicuramente più cose di lui, eppure  quello sguardo mi terrorizza, mi spoglia e mi pone domande cui mai saprò rispondere.

 

Il letto

 

i): E lei, cosa ne pensa?

l): Ho sentito quel che dice quello stupido, e so perché non capisce. Io lui lo amo, e so che lui ama me, lo vedo. Stiamo tantissimo assieme, sento che mi apprezza più di ogni altra cosa, so che tra le mie pieghe  ha oliato i cardini del mondo, ha viaggiato oltre il vero e il falso e ha scoperto cose il cui vago ricordo gli confonde le giornate. Io lo vedo come una specie di eroe, e quando morirò o lui troverà un altro ricorderò con orgoglio i lieti riposi e gli stanchi pensieri di colui che mi ha aperto gli occhi alla vita, più amante che padrone. Penso che la lampada e la televisione sottovalutino la profondità dei sentimenti globali, e abbiano scelto di rinunciare alla comprensione umana.

 

La doccia

 

d): Devo dire che vederlo qua sotto tre volte la settimana non è il massimo, a me piacciono gli uomini ma a lui preferirei una bella donna. Consuma poca acqua però, anche se mi fa scaldare due o tre minuti prima di entrare. Io non sono acculturata come chi ha parlato prima, se volete scrivere qualcosa su di lui vi posso dire che perde già un bel po' di capelli, che non è accuratissimo nella pulizia e che spesso mi sputa sui piedi catarro denso da dopo partita a pallone tra fumatori accaniti.

 

Il frigorifero

 

f): È un genocida. Il mostro del secolo. Quando nacqui capii che ero destinato a conservare alimenti per gli esseri umani, ma mai avrei immaginato di diventare un obitorio. Polli, conigli, maiali, triglie, salmoni. A noi oggetti ci insegnano a rispettare la vita, e ci vendono a padroni che per primi la disprezzano. Troppo sangue è passato dentro di me, fui concepito così pulito e morirò terribilmente sporco. E quella faccia, ha ragione televisione, dovreste vederlo. Gli occhi da pazzo mentre mi guarda dentro.  Per capire tutti gli uomini basta una cosa. Tutto quello che metti dentro di me te lo restituisco uguale, quello che metti in loro diventa merda, e lo devi buttare nel cesso.

 

Il cesso

 

c): Sono contento il mio amico frigo mi abbia chiamato in causa. Non ci siamo mai visti ma ci teniamo in contatto io e frigo, all'inizio lo odiavo ma ora siamo amiconi. Ho capito che non è lui la fonte dei miei mali, o almeno, non direttamente. Io sono stato destinato a fare un lavoro di merda, decidono loro quando tapparmi o stapparmi la bocca, e cosa buttarci dentro. Una volta esagerarono così tanto che mi otturai e vomitai tutto. Fu una cosa stupenda, mi ripagò di tutti quegli anni di buchi puzzolenti pronti a svuotarmisi dentro. Fui punito a martellate, per ore, da uno sconosciuto che fingeva di ripararmi. Siamo tutti solo tubi o scatole, tutti inutili, lo so per certo. Di lui posso dire che pesa meno del padre, ciò che mi tira puzza meno di ciò che mi tira il fratello e soffre un po' mentre lo fa. Io non so se soffre per me o per cose sue, ma sono contento comunque.

 

Lo specchio

 

s): Non abbiamo mai avuto un buon rapporto, non gli sono mai piaciuto, rispetto al letto poi non sono mai esistito. Però a me in fondo piace, soprattutto quando fa le facce buffe, o si rade, e dovreste vederlo la sera tardi, quando mi lancia uno sguardo dopo aver pisciato, in quegli occhi non si può non vedere un uomo solo, spaventato, innamorato e profondo come solo un dio lo saprebbe creare.

In fondo se loro hanno creato noi, qualcuno avrà creato loro, ebbene questo qualcuno con lui è andato troppo a fondo, avrebbe molto da imparare lui da me, per meglio vivere in questa vita. 

 

Purtroppo non sa guardarmi dritto negli occhi.

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010877417 »