Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  La panchina di Carlo Trotta 02/09/2006
 

LA PANCHINA

 

Cosė vecchio mi sento ormai, con questa panchina unica confidente, capace di aiutarmi in questi pomeriggi sempre pių lontani. Qui vicino, sempre in questo bioparco, morė anziano mio padre, e mi piace ricordarne la storia, cui ripenso ogni volta che torno sotto a questa cupola di vetro.

Mio padre mi raccontava sempre di quando lui era piccolo, del meraviglioso cielo azzurro e delle stelle la notte. Sapevo che non poteva averle mai viste, che al massimo ne aveva sentito parlare da qualche suo anziano parente, ma la forza dei suoi racconti era incredibile, e stimolava la mia fantasia adolescente verso viaggi romantici in una natura ormai scomparsa.

Parlava di animali meravigliosi, dai mille colori, di uccelli che volavano sotto a un cielo chiarissimo, di cani e gatti che vivevano addirittura nelle case con noi, e di uomini e donne che sorridevano, parlavano, cantavano.

A noi adesso č rimasto il pensiero, ma tutti dubitiamo gli altri lo usino, nessuno pių scrive, pochi parlano davvero, e l'unica natura che io conosca č in quest'area dagli alberi di plastica, unico posto dove, grazie alla cupola, ci si possono levare i respiratori. Mio padre mi parlava per ore dei forti sapori della cacciagione, dell'odore della terra bagnata, della gioia di correre all'aperto, dei ragazzini che giocano.

Io ho un figlio, ma non ci parlo quasi mai.

Mio padre era considerato un pazzo, un perditempo pieno di strane idee, e non č stato messo in cura solo grazie alla pazienza e ai soldi di mia madre. Lui veniva spesso qui, e gli alberi di plastica piantati in terra vera lo aiutavano a pensare. Morė qui, su questa terra sempre asciutta, dove nulla č mai piovuto se non una lacrima di dolore di un povero vecchio colpito da un attacco di cuore.

Le unitā di soccorso ci chiamarono subito, e io fui il primo della famiglia ad arrivare.

La vista di mio padre morto, disteso su quella terra vera, mi colpė in un modo inimmaginabile. Piansi, e da allora cominciai ad avere anche io il desiderio di raccontare fantastiche storie inventate a mio figlio, per strapparlo da tutto questo grigio.

Ma non lo faccio.

Torno ogni tanto in questo settore, a guardare gli alberi di plastica, e tengo sempre nel mio studio una ciotola, piena di terra vera, ogni tanto la bagno con dell'acqua, la annuso, ci immergo le dita.

Mio figlio non deve sapere. Č giusto che almeno lui non sappia.

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010877776 »