Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  Il bruco di Franca Maria Bagnoli 07/09/2006
 

                                      Il bruco

 

Un bruco viveva felice nel suo letto di foglie di gelso. Poteva mangiarne quante ne voleva e poteva passeggiarci sopra come in un prato odoroso.

"Ah . diceva - come è bella la vita di un bruco!"

Un cardellino lo sentì e disse: "Non mi sembra che sia tanto bella. Vivi in uno spazio piccolissimo, le tue foglie saranno anche buone ma non puoi fare altro che mangiarle e strisciarci sopra. Non ti annoi?"

Il bruco, a dire la verità, restò interdetto, colpito da una osservazione che, a suo dispetto, gli era sembrata giusta. Ma non voleva dare soddisfazione al cardellino. "A me sta bene così. Che altro dovrei desiderare? Tu, piuttosto, stai attento! I tuoi voli spericolati ti potrebbero far cadere dritto per terra, magari vicino a un gatto pronto a mangiarti. E quando ti posi sul ramo di un albero, guardati bene intorno. I gatti sono bravissimi ad arrampicarsi sugli alberi.".

Il cardellino, a sentire nominare i gatti, ebbe un sussulto di paura ma poi si disse: " Su, su! Non pensare al peggio. Pensa alla dolce Pia che, nel vostro nido, sta covando le uova dalle quali nasceranno dei bellissimi cardellini. Piuttosto affrettati a portarle da mangiare". E spiccò un lungo, gioioso volo.

Intanto il bruco pensava: "Ma che stupido sono stato! Come ho fatto a dimenticare di dire a quel cardellino presuntuoso che io so fare la seta? Se lo incontro di nuovo glielo dirò!"

Infatti lo incontrò e gli espresse il suo orgoglio di fabbricante di seta.

" Si, si - disse il cardellino - la seta è bella ma la usano gli uomini. Non mi sembra che serva a te!" e spiccò il volo in direzione del nido.

Il povero bruco si depresse. Oltre tutto non si sentiva bene. Da un po' di giorni avvertiva uno strano malessere.

"Che mi sta succedendo? - si chiese, angosciato . Mi sembra di morire!".

Infatti stava morendo come bruco ma per rinascere come farfalla, una farfalla meravigliosa dai colori contrastanti: giallo e nero con sottili venature rosa. "Oh! - disse il bruco non più bruco, specchiandosi in un laghetto - Sono una farfalla e potrò volare!"

Agitò esitante le ali e, sempre più sicuro, fece un bellissimo volo di danza sul laghetto. Si ricordò del cardellino e subito orientò il suo volo nella direzione che gli aveva visto prendere. Trovò il nido. I cardellini pigolavano sotto il caldo abbraccio della madre e il cardellino vegliava sulla sua famiglia. La farfalla si avvicinò. "Non mi riconosci ? " – chiese al cardellino. Questo non lo riconobbe.

"Sono il bruco trasformato in farfalla. Avevi ragione. Volare è meraviglioso. Ti dà una grande sensazione di libertà!".

"Benvenuto tra noi volatili, prodigioso insetto" - disse il cardellino.

"Grazie e auguri per la tua bella famiglia. - disse la farfalla - Verrò ancora a trovarvi e quando i piccoli voleranno, faremo tutti insieme un volo lungo, lungo!".

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010877440 »