Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Al stóri (Le Storie), di Gianfranco Miro Gori 16/09/2014
 

Al stóri

di Gianfranco Miro Gori

 

 

E un ènt ségn u i à fat: che e' Signòur

l à  cal ròbi che  ma léu. Che Signòur

(o déu o piò) ch' l à crèe tót inquèl

e in chèv l à fat l òm s un sófi e che l òm

l à tachè a prilè e a smasé;

 da par léu u l à ingranfè la bólia

e alòura e' Signòur u i à spéch 'na

cósta e sufiéndi l à fat la dòna.

La cósta e tót e' rèst i è 'rivat

quant che la dòna e l'òm invrucì

tra la maravèia e la pavéura,

sa fèna e sòida che i rusghèva,

i à pruvè ad racuntès dal bèl stóri

ch'al n era bóni da magné e da bòi

 agli impòiva dafat distès.

E' róg e e' fés-ci, la mòsa de braz

e dla grènfa i s è trasfurmé pién pién.

Un  dri ma cl èlt, un an dri ma cl èlt,

e' vérs e e' ségn i è dvanté un'ènta ròba.

I s è spéch dal bòchi, dal grènfi e

i s è tachè ma quèl ch'u n s mòv e

ma quèl ch'u s mòv, ma quèl che cambia e

ma quèl ch'un cambia, che va e che sta .

Un  dri ma cl èlt, un an dri ma cl èlt,

e' vérs e e' ségn i s è instéch tal ròbi,

ti at e te stès tèmp scapé da la gòula,

i à cminzè a vulè, a sunè da par lòu.

Tla ròda de mònd l è carséu un'ènta léngua.

Zòirca da magné, fa di fiul, ingrènfa

un bastòun, racòunta dal stóri. L è

quèst e' vérs de zoir dla róda de mònd.

Ingranfè da la maravèia, rusghè

da fèna e sòida, turmantè da la pavéura,

qualcadéun l à guardè i frót dla bòta magna

e u s n è invantè la stória:

la su stória diferénta dagli élti.

Da la maravèia, da la pavéura l è sgurghè

una masa ad stóri, óna diversa da cl'èlta,

óna piò bèla ad cl'èlta, e bóni par cròidi.

Còi ch'l à guardè la bòta, còi ch'u s la è imazinéda,

còi ch'u la à insugnèda, còi ch'u la à invantèda,

ingranfè da la maravèia, rusghè

da fèna e sòida, turmantè da la pavéura,

l à 'véu e' bsògn ad racutèla ma tót:

che la bòta l è i rachéunt dla bòta:

tònda me fugh sòta i óc dla Leuna

che ènca e' fugh adès u n mét piò pavéura.

La bòta la è vnuda fura dal stóri dla bòta.

 

 

 

 

 

Le storie

di Gianfranco Miro Gori

 

 

E un altro segno ha fatto: che Dio

ha dato quelle cose a lui. Quel Dio

(o due o più) che ha creato tutto quanto

e alla fine ha fatto l'uomo con un soffio e che l'uomo

ha preso a frullare e a frugare;

ma da solo l'ha ghermito lo sconforto

e allora Dio gli ha staccato una

costola e soffiandoci ha fatto la donna.

La costola e tutto il resto sono arrivati

quando la donna e l'uomo aggrovigliati

tra la meraviglia e la paura,

con fame e sete che rodevano,

hanno provato a raccontarsi delle belle storie

che non erano buone da mangiare e da bere

ma saziavano completamente lo stesso.

L'urlo e il fischio, la mossa del braccio

e della granfia si sono trasformati piano piano.

Un giorno dietro l'altro, un anno dietro l'altro,

il verso e il cenno sono diventati un'altra cosa.

Si sono staccati dalla bocche e dalla granfie e

si sono avvinghiati a ciò che non si muove e

a ciò che si muove, a ciò che cambia e

a ciò che non cambia, che va e che resta.

Un giorno dietro l'altro, un anno dietro l'altro,

il verso e il cenno sono penetrati nelle cose,

negli atti e nello stesso tempo usciti dalla gola

hanno cominciato a volare, a risuonare da soli.

Nella ruota del mondo è cresciuta un'altra lingua.

Cerca del cibo, fa dei figli, afferra

un bastone, racconta delle storie. È

questo il verso del giro della ruota del mondo.

Ghermito dalla meraviglia, roso

da fame e sete, tormentato dalla paura,

qualcuno ha guardato i frutti del botto magno

e se n'è inventato la storia:

la sua storia diversa dalle altre.

Dalla meraviglia, dalla paura sono scaturite

molte storie, una diversa dall'altra,

una più bella dell'altra, e adatte a essere credute.

Chi ha guardato il botto, chi se l'è immaginato,

chi l'ha sognato, chi l'ha inventato,

ghermito dalla meraviglia, roso

da fame e sete, tormentato dalla paura,

ha sentito il bisogno di raccontarlo a tutti:

che il botto è i racconti del botto:

attorno al fuoco sotto gli occhi della Luna

che anche il fuoco adesso non fa più paura.

Il botto è scaturito dalle storie del botto.

 

 

 

Poesia tratta da “la gran bòta”, parte di E' cino, la gran bòta, la s-ciuptèda  Fara Editore, 2014

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014127969 »