Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Mattinata romana di Renato Fedi 22/07/2006
 

Mattinata romana

 

Ar mattino, quanno sorto fora der cancello,

arricasco appeso ar solito amletico dilemma:

oggi sarò cojone, fesso, oppuro sarò quello

che nun se perderà pe' n'attimo la flemma?

 

Principiàgni giorno cor dubbio mica è bello,

mette la voja de fa fagotto e dasse ar prato.

Arivo a li semafori che sudo, paro ammalato,

me sale la pressione der sangue ner cervello.

 

Si passo ar giallo, mille dicheno: “A stron..!”

s'invece freno.. mi madre faceva la migno…,

si poi me scuso .. passo davero pe' bigonzo:

 

c'avrò er coraggio p'aributtamme ne la lotta?

Uscì co' l'automobbile nell'Urbe è ‘na fatica,

‘n vero suicidio! Ma io ‘nsisto: nun mollo mica!

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014248164 »