Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Giace lassù, di Vincenzo Cardarelli 22/06/2012
 

 

Sto riscoprendo, di poesia in poesia, questo grande autore che un po' mi ricorda Giovanni Pascoli, ma un Pascoli del XX secolo, e quindi dotato di concretezza nel descrivere la malinconia che sempre lo accompagnò dalla nascita alla morte.

 

 

 

 

 

Giace lassù

di Vincenzo Cardarelli

 

 

Giace lassù la mia infanzia.
Lassù in quella collina
ch'io riveggio di notte,
passando in ferrovia,
segnata di vive luci.
Odore di stoppie bruciate
m'investe alla stazione.
Antico e sparso odore
simile a molte voci che mi chiamino.

Ma il treno fugge. Io non so dove.
M'è compagno un amico
che non mi desta neppure.
Nessuno pensa o imagina
che cosa sia per me
questa materna terra che sorvolo
come un ignoto, come un traditore.

 
©2006 ArteInsieme, « 011838064 »