Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Liguria, di Vincenzo Cardarelli 26/07/2013
 

Si vede il paesaggio, si odora il salmastro, in questa poesia che fornisce il ritratto di una regione inebriando d'atmosfere il lettore.

 

 

 

 

 

Liguria

di Vincenzo Cardarelli

 

 

 

E' la Liguria una terra leggiadra.
Il sasso ardente, l'argilla pulita
s'avviano di pampini al sole.
E' gigante l'ulivo.. A primavera
appar dovunque la mimosa effimera.
Ombra e sole s'alternano
per quelle fonde valli
che si celano al mare,
per le vie lastricate
che vanno in su, fra campi dt rose,
pozzi e terre spaccate,
costeggiando poderi e vigne chiuse.
In quell'arida terra il sole striscia
sulle pietre come un serpe.
Il mare in certi giorni
un giardino fiorito.
Reca messaggi il vento,
Venere torna a nascere
ai soffi del maestrale
O chiese di Liguria, come navi
disposte ad essere varate!
O aperti ai venti e all'onde
liguri cimiteri!
Una rossa tristezza vi colora
quando di sera, simile a un fiore
che marcisce, la grande luce
si va sfacendo e muore.




 
©2006 ArteInsieme, « 012055056 »