Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Sogno d'ombra, di Giovanni Pascoli 04/11/2013
 

Pascoli Ŕ indubbiamente un grande poeta, e non solo per la perfezione dello stile, ma anche per la capacitÓ di esporre chiaramente concetti profondi, come nei versi che seguono.

 

 

 

Sogno d'ombra

di Giovanni Pascoli

 

 

Rantolo d'avo, rantolo d'infante.
Par l'uno il cigolýo d'un abbaino
a cui percuota l'aquilone errante:

l'altro e come a fior d'acqua un improvviso
vanir di bolla, donde un cerchiolino
s'apre ogni volta e scivola nel viso.

Vissero. Quanto? le pupille fisse
chiedono. Uno la gente di sua gente
vide; l'altro, non sÚ. Ma l'uno visse
quello che l'altro: un sogno d'ombra, un niente.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011954918 »