Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Mio padre, di Ferdinando Camon 04/11/2013
 

Un quadro desolante di due mondi a confronto: quello della civiltà contadina, che ora non c'è più, e quello operaio, il naturale successore, altrettanto dominato da assenza di speranza.

 

 

 

 

 

 

Mio padre

di Ferdinando Camon


 
Tre alberi spaccati dal fulmine,
asilo agli uccelli di passo,
due cavalli sfiancati sotto il portico,
un filare di vigne basse
che rende appena da pagar le tasse.
 
Un odore di fiume,
di fieno tagliato, di fumo che sale
a spirale dai casolari,
di cera bruciata davanti alle icone
nella casa-chiesa.
 
Davanti alla soglia corrosa
un gradino di pietra
dà sulla pianura
solcata da una strada polverosa.
 
Vi siede ogni sera mio padre.
 
Quando cominciano i turni
di notte alla fabbrica, e passano
gli operai a squadre,
lo salutano lenti e taciturni
con gesti antichi come la morte.

 

Da Liberare l'animale – Garzanti, 1973

 

 

www.ferdinandocamon.it

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011505179 »