Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Gli italiani, di Pier Paolo Pasolini 04/11/2013
 

╚ un giudizio severo, ma Pasolini coglie in modo perfetto il vizio atavico di noi italiani, quello che ci impedisce di cambiare, di dare un senso compiuto e comune a uno stato di cui pi¨ che proprietari ci sentiamo ospiti abusivi, in una temporaneitÓ senza scadenze: l'indifferenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli italiani

di Pier Paolo Pasolini

 

 

L'intelligenza non avrÓ mai peso, mai
nel giudizio di questa pubblica opinione.
Neppure sul sangue dei lager, tu otterrai

da uno dei milioni d'anime della nostra nazione,
un giudizio netto, interamente indignato:
irreale Ŕ ogni idea, irreale ogni passione,

di questo popolo ormai dissociato
da secoli, la cui soave saggezza
gli serve a vivere, non l'ha mai liberato.

Mostrare la mia faccia, la mia magrezza -
alzare la mia sola puerile voce -
non ha pi¨ senso: la viltÓ avvezza

a vedere morire nel modo pi¨ atroce
gli altri, nella pi¨ strana indifferenza.
Io muoio, ed anche questo mi nuoce.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011504901 »