Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Lavandare, di Giovanni Pascoli 08/12/2013
 

Se c'è una poesia che ben esprime l'abbandono e la solitudine è quella che segue, non a caso assai nota. Vi domina un grigiore della vita, frutto senz'altro di quell'esistenza d'incompiuto dell'autore, che lo portò progressivamente a fuggire la realtà  ricorrendo all'alcol.   

 

 

 

Lavandare

di Giovanni Pascoli

 

 

Nel campo mezzo grigio e mezzo nero
resta un aratro senza buoi, che pare
dimenticato, tra il vapor leggero.

E cadenzato dalla gora viene
lo sciabordare delle lavandare
con tonfi spessi e lunghe cantilene.

Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese!
Quando partisti, come son rimasta!
Come l'aratro in mezzo alla maggese.

 

Da Myricae

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011940174 »