Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  La leggenda del Piave, di E. A. Mario 23/05/2015
 

Comprendo già quel che si potrà pensare: questa non è una poesia, ma una canzone patriottica, per quanto celebre. Oggi però ricorrono cento anni dall'inizio della nostra partecipazione alla grande guerra e mi pare che la ricorrenza giustifichi da sola l'inserimento di questo testo fra i Maestri della poesia; la domanda però è un'altra, anzi sono due: 1) l'autore, E.A. Mario chi è? E può essere considerato un valido poeta?

E. A. Mario è lo pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta, nato a Napoli il 5 maggio 1884 e morto, sempre a Napoli, il 24 giugno 1961. E' stato un celebre paroliere e compositore, con testi sia in lingua italiana, che in dialetto napoletano; nel suo campo può essere considerato un pezzo da 90 ed ebbe in vita un successo travolgente. Tuttavia, ciò che ne ha consegnato la memoria ai posteri è stata La Leggenda del Piave, conosciuta anche come La canzone del Piave, con un motivo particolarmente orecchiabile e facile da ricordare.  Fu composta nel giugno del 1918 dopo la famosa battaglia del Solstizio, in cui si infranse l'estremo tentativo del nemico di capovolgere una situazione che lo vedeva in grave difficoltà, sia per lo stato delle truppe asburgiche, affamate e a corto di munizioni, sia per il crescente dissenso all'interno dell'Impero che non sfociava solo in manifestazioni di protesta, ma anche in vere e proprie rivolte.

Per quanto non manchi un po' di retorica, la canzone ha il pregio di sintetizzare in pochi versi la nostra Grande guerra, da quando il 24 maggio 2015 il nostro esercito passò sul Piave per andare incontro al nemico a quando dopo Caporetto fu bloccata nell'autunno del 1917 l'avanzata asburgica, proprio sulle rive del Piave, per arrivare infine ai giorni gloriosi del 1918.

Anche senza musica e senza canto, i versi appaiono riuscitissimi e il fatto che ancor oggi tutti conoscano La leggenda del Piave è la dimostrazione della qualità di questo componimento, che non poco contribuì nel dopo guerra a far dimenticare le sofferenze e le atrocità del conflitto, mitizzandolo con queste parole semplici e ricche di sentimenti, prive di odio e parche di enfasi.

 

La Leggenda del Piave

di E.A. Mario

 

 

Il Piave mormorava,
calmo e placido, al passaggio
dei primi fanti, il ventiquattro maggio;
l'esercito marciava
per raggiunger la frontiera
per far contro il nemico una barriera...

Muti passaron quella notte i fanti:
tacere bisognava, e andare avanti!

S'udiva intanto dalle amate sponde,
sommesso e lieve il tripudiar dell'onde.
Era un presagio dolce e lusinghiero,
il Piave mormorò:
«Non passa lo straniero!»

Ma in una notte trista
si parlò di un fosco evento, 
e il Piave udiva l'ira e lo sgomento...
Ahi, quanta gente ha vista
venir giù, lasciare il tetto,
poi che il nemico irruppe a Caporetto! 

Profughi ovunque! Dai lontani monti
Venivan a gremir tutti i suoi ponti!

S'udiva allor, dalle violate sponde,
sommesso e triste il mormorio de l'onde:
come un singhiozzo, in quell'autunno nero,
il Piave mormorò:
«Ritorna lo straniero!»

E ritornò il nemico;
per l'orgoglio e per la fame
volea sfogare tutte le sue brame...
Vedeva il piano aprico,
di lassù: voleva ancora
sfamarsi e tripudiare come allora...

«No!», disse il Piave. «No!», dissero i fanti,
«Mai più il nemico faccia un passo avanti!»

Si vide il Piave rigonfiar le sponde,
e come i fanti combatteron l'onde...
Rosso di sangue del nemico altero,
il Piave comandò:
«Indietro va', straniero!»

Indietreggiò il nemico
fino a Trieste, fino a Trento...
E la vittoria sciolse le ali al vento!
Fu sacro il patto antico:
tra le schiere, furon visti
Risorgere Oberdan, Sauro, Battisti...

Infranse, alfin, l'italico valore
le forche e l'armi dell'Impiccatore!

Sicure l'Alpi... Libere le sponde...
E tacque il Piave: si placaron l'onde...
Sul patrio suolo, vinti i torvi Imperi,
la Pace non trovò
né oppressi, né stranieri!

 

 

Qui la si può anche ascoltare:

https://www.youtube.com/watch?v=w7gyOnmJUvQ

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 012063340 »