Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Inno ad Aton, di Amenofi IV 07/02/2016
 

Nel corso di alcune mie ricerche sull'antico Egitto mi sono imbattuto in questa poesia-preghiera che, a mio parere, è almeno di pari livello del famoso Cantico delle creature di San Francesco. È stata scritta un po' prima, all'incirca 3.400 anni fa dal faraone Amenofi IV che regnò per 17 anni e che, anche perché ostile alla crescente potenza dei sacerdoti politeisti, istituì un culto monoteistico al Dio sole, anteriore di almeno 1.000 anni a quello ebraico. La sua divinità è un trionfo di gioia e di amore, è una concezione naturalistica di come è nato e di come si regge il mondo, con passi palpitanti che conducono a un senso di profonda serenità. Il Dio di Amenofi è quindi ben diverso da quello ebraico e poi cristiano, spesso collerico e vendicativo.  Questa religione differisce da quella ebraica anche perché non presenta l'aspetto etico, cioè quelle regole di comportamento morale che invece si trovano nelle tavole dei Dieci comandamenti. Amenofi IV, detto anche Akhenaton, regnò per soli 17 anni e alla sua morte i sacerdoti politeisti ripresero il potere, cercando di cancellare ogni traccia del faraone che si ribellò agli dei, insomma condannandolo a una vera e propria damnatio memoriae.

In vita fece importanti riforme, spostando anche la capitale da Tebe a una nuova città edificata per sua volontà e che si chiamava Akhetaton. Fu lo sposo, sinceramente innamorato, della bella Nefertiti, che sposò nonostante lei non fosse nobile e che elevò al rango di  regina con poteri uguali ai suoi.  

 

  

 

 

 

 

Inno ad Aton

di Amenofi IV

 

 

Tu sorgi bello all'orizzonte del cielo

o Aton vivo, da cui nacque ogni vita

Quando ti levi all'orizzonte orientale

tutte le terre riempi della tua bellezza.

Tu sei bello, grande, splendente, eccelso in ogni paese;

i tuoi raggi abbracciano le terre

tenendole strette per il tuo amato figlio.

 

 

Tu sei lontano ma i tuoi raggi sono sulla terra.

Tu sei davanti agli uomini, ma essi non vedono la tua via.

Quando vai in pace all'orizzonte occidentale,

la terra è nell'oscurità come morta.

allora gli uomini dormono nelle loro stanze,

le teste sono ammantate, un occhio non vede l'altro.

 

Si rubino i beni che sono sotto le loro teste,

essi non se ne accorgerebbero.

Tutti i leoni escono dalle loro tane;

tutti i serpenti escono e mordono.

L'oscurità è per loro chiaro.

Giace la terra in silenzio.

Il loro creatore riposa all'orizzonte.

 

All'alba tu riappari all'orizzonte,

Con il tuo disco splendente di giorno.

Tu lanci i tuoi raggi scacciando le tenebre.

Le Due Terre sono in festa:

svegliate e levate sui due piedi.

 

Tu le hai fatte alzare.

Lavano le loro membra, prendono le loro vesti,

alzano le loro braccia lodando tuo sorgere.

La terra intera si mette al lavoro.

Ogni animale gode del suo pascolo.

Alberi e cespugli verdeggiano.

Gli uccelli volano dal loro nido,

alzano le loro ali lodando il tuo ka .

 

Gli animali selvatici balzano sui loro piedi.

Quelli che volano via, quelli che si posano,

essi vivono quando tu ti levi per loro.

Le barche salgono e scendono per il fiume

perché ogni via si apre al tuo sorgere.

I pesci del fiume guizzano verso di te,

i tuoi raggi raggiungono il mare verde.

 

Tu sei colui che mette il seme nella donna,

tu sei colui che crea il seme nell'uomo,

tu che fai vivere il figlio nel grembo della madre,

accarezzandolo perché non pianga.

tu che nutri chi è ancora nel grembo,

che dai l'aria per far vivere tutta la tua creazione

quando cala dal grembo in terra il giorno della nascita,

aprendo la bocca del neonato e dandogli nutrimento.

 

Quando il pulcino è nell'uovo,

tu lì dentro gli dai l'aria perché viva.

Tu lo completi perché rompa il guscio,

e ne esca per parlare e completarsi

e corra sui suoi piedi annunciando la sua creazione.

 

Come numerose sono le tue opere!

Esse sono inconoscibili al volto degli uomini,

tu Dio unico, al di fuori del quale nessuno esiste.

Tu hai creato la terra a tuo desiderio,

quando tu eri solo,

con gli uomini, il bestiame ed ogni animale selvatico,

e tutto quel che è sulla terra ­ e cammina sui suoi piedi e tutto

quel che è nel cielo e vola sulle sue ali.

 

E i paesi stranieri, Khor e Kush  e la terra d'Egitto.

Tu hai collocato ogni uomo al suo posto,

hai provveduto ai suoi bisogni.

Ognuno con il suo cibo e le sue cose

e sono contati i suoi giorni.

Le lingue loro sono diverse in parole,

sono diversi nel corpo e nella pelle,

perchè tu hai distinto popolo da popolo.

 

Ed hai fatto un Nilo nel mondo sotterraneo

e lo porti dove vuoi per dar vita alle genti

Anche se tu sei signore di tutti loro, signore delle loro terre,

ti affatichi per loro, brilli per loro,

o Aton del giorno, grande di dignità!

E tutti i paesi stranieri e lontani,

tu fai che vivano anch'essi.

Hai posto un Nilo nel cielo, che scende per loro 

e che fa onde sui monti come un mare

e bagna i loro campi e le loro contrade.

Come sono perfetti i tuoi consigli tutti,

o signore dell'eternità!

Hai stabilito un Nilo nei cieli per gli stranieri

e per gli animali del deserto che camminano sui piedi;

ma il Nilo vero viene dalla Duat per l'Egitto.

I tuoi raggi nutrono campi e giardini

essi vivono e prosperano per te.

 

Tu fai le stagioni

per far sì che si sviluppi tutto quel che tu crei.

L'inverno per rinfrescarle

l'estate perché gustino il tuo calore.

Tu hai fatto il cielo lontano per splendere in lui,

Il tuo disco nella sua solitudine veglia su tutto ciò che tu hai fatto

tu che splendi nella forma di Aton vivo,

sorto e luminoso, lontano eppure vicino.

 

Tu fai milioni di forme da te, unico:

città, villaggi, campi, vie, fiume,

ogni occhio vede te davanti a sé

e tu sei l'Aton del giorno sopra la terra.

 

Quando tu sei andato via

e dorme ogni occhio di cui tu hai creato lo sguardo

per non vederti solo,

e non si vede più quel che tu hai creato,

tu sei ancora nel mio cuore.

Non c'è nessun altro che ti conosca

eccetto il tuo figlio Nefer­kheperu­Ra, Ua­en­Ra.

Tu gli hai reso noti i tuoi intenti e il tuo valore.

 

Tutti gli esseri sono nella tua mano

come tu li hai creati.

Se tu splendi essi vivono,

se tu tramonti essi muoiono:

tu sei la durata stessa della vita

e si vive di te.

 

Gli occhi vedono bellezza, finché tu non tramonti.

Si depone ogni lavoro quando tu tramonti a destra.

Quando tu risplendi, tu dai vigore

e agilità è in ogni gamba

da quando tu hai fondato la terra.

 

Tu hai stabilito il mondo per tuo figlio,

lui che è nato dal tuo corpo,

Re dell'Alto Egitto e del Basso Egitto,

che vive nella verità, signore delle Due Terre,

Neferkhepure, Wanre il Figlio di Re,

che vive nella verità, Signore dei Diademi,

Akhenaton grande nella lunghezza dei suoi giorni.

 

E per la nobile moglie del re

lei che lui ama,

per la signora delle Due Terre, Nefernefruate-Nefertiti,

possa lei vivere e fiorire per l'eternità!

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 013815792 »