Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Il sole del pomeriggio, di Costantino Kafavis 28/02/2016
 

Il ricordo di una camera č il pretesto per una constatazione che lascia l'amaro in bocca.

 

 

 

Il sole del pomeriggio

di Costantino Kafavis

 

 

Questa camera, come la conosco!
Questa e l'altra, contigua, sono affittate, adesso,
a uffici commerciali. Tutta la casa, uffici
di sensali e mercanti, e Societā.
Oh, quanto č familiare, questa camera!

Qui, vicino alla porta,
c'era il divano: un tappeto turco davanti,
e accanto lo scaffale con due vasi gialli.
A destra... no, di fronte... un grande armadio a specchio.
In mezzo il tavolo dove scriveva;
e le tre grandi seggiole di paglia.
Di fianco alla finestra c'era il letto,
dove ci siamo tante volte amati.

Poveri oggetti, ci saranno ancora, chissā dove!

Di fianco alla finestra c'era il letto.
E lo lambiva il sole del pomeriggio fino alla metā.

...Pomeriggio, le quattro: c'eravamo separati
per una settimana... Ahimč,
la settimana č divenuta eterna.




 
©2006 ArteInsieme, « 012590942 »