Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Rami di pesco, di Ada Negri 18/03/2016
 

Che suggestiva immagine quella della vecchietta che, fra vento e pioggia, vende rami di pesco. Par di vedere un inverno vecchio e ormai morente lasciare promesse di rinascita e di un tempo nuovo in cui tutto cambia, con la fantasia che corre a materializzare i ricordi di altri segni di primavera.

 

 

 

Rami di pesco 

di Ada Negri

 

 

Ferma al quadrivio, mentre piove e spiove
sotto l'aspro alternar delle ventate
chiaccianti come fruste sulle facce
di chi va, di chi viene, una vecchietta
vende rami di pesco. 
O primavera
per pochi soldi! O riso, o tremolžo
di stelle rosee su bagnate pietre!

Scompare agli occhi miei la strada urbana
con fango e folla e strider di convogli
sulle rotaie, e saettar nemico
d'automobili in corsa. Ecco, e in un campo
mi trovo: Ť verde, di frumento appena
sorto dal suolo: pioppi e gelsi intorno
con la promessa delle fronde al sommo
dei rami avvolti in una nebbia d'oro:
e peschi: oh, lievi, oh, gracili, d'un rosa
che non Ť della terra: ch'Ť di tuniche
d'angeli, scesi a benedire i primi
germogli, e pronti, a un alito di brezza,
a rivolar da nube a nube in cielo.

 




 

 
©2006 ArteInsieme, « 012590841 »