Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Johnnie Sayre, di Edgar Lee Masters 18/03/2016
 

Nell'Antologia di Spoon River si dice non a torto che esistano epitaffi in cui l'ironia č la matrice, ma ce ne sono anche di struggenti, di palpitanti, che inondano di lacrime il cuore, come quello che segue.

 

 

 Johnnie Sayre

di Edgar Lee Masters

 


 
Papā, non saprai mai 
l'angoscia che mi strinse il cuore 
per la mia disobbedienza, quando sentii 
la ruota spietata della locomotiva 
affondarmi nella carne urlante della gamba. 
Mentre mi portavano dalla vedova Morris 
vidi ancora nella valle la scuola 
che marinavo per saltare di nascosto sui treni. 
Pregai di vivere fino a chiederti perdono - 
e poi le tue lacrime, le tue rotte parole di conforto! 
Dalla consolazione di quell'ora ho ricavato una felicitā infinita. 
Sei stato saggio a scolpire per me: 
"Strappato al male a venire". 

 
©2006 ArteInsieme, « 012590916 »