Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  I ricordi vagabondi, di Rosa Staffiere 10/07/2016
 

Leggete con attenzione i versi che seguono e vi accorgerete di quanto brava sia Rosa Staffiere



I ricordi vagabondi

di Rosa Staffiere




Sul dolce dondolio della culla
stanno i ricordi e con nostalgia
penso alla santa Chiesa mia
là dove ebbi il sale della vita
dove mi catechizzai e conobbi Dio.


Questo silenzio, mi giunge, come di paradiso:
là sull'altare la regina del Cielo
assisa sul trono d'oro col bambino
Ella patrona del paese mio
Ma quanta paura, m'incuteva quella
che giaceva nella bara di cristallo
la Santa con due occhi in mano.

E se vedevo l'enfiore sul ginocchio
del taumaturgo San Rocco
invocavo della campana il tocco
che mettesse firne alla funzione.
Nelle orecchie odo ancora
l'inno mariano del pellegrino, intonato
per esser dal Cielo miracolato.

Son tornata in quella Chiesa per pregare
ma tutto era mutato
ogni altare istoriato
In ogni nicchia dove c'è il santo
c'è della tarsia il vanto.

I miei ricordi vagabondi
volano dalla piazza alla strada
che circonda e abbraccia il paese
e s'impigliano nelle rosee illusioni
dei sogni adolescenti.

Lentamente cessa il dondolio
s'arresta il fluire del ricordo
come un fiume davanti al muraglione.




 
©2006 ArteInsieme, « 012385914 »