Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Alberi spogli, di Juan Ramón Jiménez 21/11/2017
 

Juan Ramón Jiménez Mantecón (Moguer, 24 dicembre 1991 – Sam Juan, 29 maggio 1958) è stato uno fra i più grandi poeti spagnoli, Nobel per la letteratura nel 1956. Dopo la guerra civile spagnola comincia il suo esilio fra Stati Uniti, Cuba e Porto Rico. La poetica di Jmenéz è improntata a intelligenza e passione; fra spirito e natura, riassume in sé un valore simbolico che trascende il semplice estetismo per farsi dolce concretezza. Un esempio lampante è quello della poesia di tema autunnale che segue, pochi versi, stringati, ma di grandissimo effetto nel rappresentare la forza della natura capace di sovvertire l’ordine a cui la limitatezza umana è abituata..






Alberi spogli

di J. R. Jmenez



Quante foglie sono cadute
la notte scorsa!
Pare che gli alberi
si sian girati sottosopra
e abbiano adesso
la chioma in terra
e le radici in cielo.


 
©2006 ArteInsieme, « 012063550 »