Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Jonathan Houghton, di Edgard Lee Masters 10/05/2018
 

Edgard Lee Masters e l’Antologia di Spoon River, un binomio in cui assai più conosciuta è la seconda, questa serie di epitaffi che nel raccontare la vita di uno scomparso parlano della vita, dei desideri, dei sogni irrealizzati, di gente che, grazie alle scritte sulle lapidi, è più viva ora che è morta.





Jonathan Houghton 

di Edgard Lee Masters


-
Il gracchiare di una cornacchia
·e il canto esitante del tordo.
Il tinnire di un campano laggiù,
e la voce di un aratore sulla collina di Shipley. 

La foresta di là dal frutteto è calma 
della calma della mezza estate
e lungo la strada chioccola un carro 
carico di grano, che va ad Atterbury .

Un vecchio siede sotto un albero e dorme, 
e una vecchia attraversa la strada, 
di ritorno dal frutteto, con una secchia di more.

E un ragazzo giace nell'erba 
accanto ai piedi del vecchio, 
e guarda le nuvole veleggianti, 
e desidera, desidera, desidera, 
che cosa, non sa: la virilità, la vita, il mondo ignoto!

Poi passarono trent'anni 
e il ragazzo ritornò spossato dalla vita 
e trovò il frutteto svanito 
e la foresta scomparsa 
e la casa data via
e la strada coperta di polvere delle automobili
e se stesso desiderare la collina

 
©2006 ArteInsieme, « 014388541 »