Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Ottobre, di Juan Ramòn Jiménez 10/10/2018
 

E’ stupenda questa poesia che Jiménez dedica al mese di ottobre con quell’invenzione di gettare nel solco aperto dall’aratro il suo cuore per vedere, come il seme che nasce a primavera, se dallo stesso nella prima stagione dell’anno nuovo potesse nascere l’albero dell’amore.








Ottobre

di  Juan Ramòn Jiménez 



Sdraiato sulla terra, là presente.
l'infinito paese castigliano,
che l'autunno avvolgeva nell'arcano
dorato del suo sole all'occidente.
Lento, l'aratro, parallelamente
la zolla apriva, e il seme con la mano
aperta nelle viscere il villano
gettava della terra, onestamente.
Pensai strapparmi il cuore, e là gettarlo,
pieno del suo soffrire alto e profondo,
del tenero terreno nel calore,
per vedere se, infranto, a seminarlo,
la primavera di svelasse al mondo
l'albero puro dell'eterno amore.


 
©2006 ArteInsieme, « 011356971 »