Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  La processione, di Rocco Scotellaro 21/02/2019
 
Si dice che Rocco Scotellaro è il poeta del Sud e forse è vero, perché è anche questo, ma nella condizione umana che lui così ben rappresenta trovo ogni sud del mondo, anche di quello che, per chi sta più giù, è un nord. Ciò che intendo dire è che la poesia di Scotellaro è universale, è il canto sussurrato, ma anche disperato delle classi più umili, dei sottomessi, di coloro per cui vivere non è gioia, ma pena.




La processione

di Rocco Scotellaro




La processione è cominciata
già nella notte.
Vedo la fila dei mietitori
toccano la stella
l'unica rimasta
in cima alla strada tortuosa.
Nel mio viottolo budello
i ferri dei muli sulle selci
suonano mattutino.


 
©2006 ArteInsieme, « 011281304 »