Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Nel trigesimo di mio padre, di Rocco Scotellaro 21/08/2019
 
E’ con indubbie capacità creative che Rocco Scotellario ricorda suo padre a trenta giorni dalla scomparsa senza mai nominarlo, perché nella vita del paese, nella sera mirabilmente descritta, ci sono tutti gli abitanti, tutti, meno uno, meno quello, meno suo padre.





Nel trigesimo di mio padre

di Rocco Scotellaro



In quei viottoli neri
una serata di queste,
sedevano le famiglie dopo cena
ai gradini delle porte,
contavano i defunti e i nati
dell'estate che correva.
E il contadino tardo che trascorse
per i monti sul mulo
con l'ultimo raccolto
passava salutando i suoi compari.
Una porta era deserta
del compare scomparso un mese fa.


 
©2006 ArteInsieme, « 012063539 »