Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  *Sereno, di Giuseppe Ungaretti 18/01/2020
 
La guerra, nella sua incombente incertezza, strisciante, pronta a colpire e ghermire, ndubbiamente è stata una fonte di ispirazione di grande spessore per Giuseppe Ungaretti, visto che le sue poesie migliori sono state scritte in trincea, come quella che segue.






Sereno

di Giuseppe Ungaretti


Dopo tanta
nebbia
a una
a una
si svelano
le stelle.
Respiro
il fresco
che mi lascia
il colore
del cielo.
Mi riconosco
immagine
passeggera
presa in un giro
immortale.

(Bosco di Courton, luglio 1918)


 
©2006 ArteInsieme, « 012624878 »