Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Lascia sia il vento, di Margherita Guidacci 18/01/2020
 
Margherita Guidacci (Firenze, 25 aprile 1921 – Roma, 19 giugno 1992). E’ una poetessa che privilegia l’analisi introspettiva, senza aderire a particolari correnti letterarie e men che meno all’ermetismo, a cui fu del tutto incompatibile. La sua è una poesia raffinata, in cui predominano gli stati d’animo, privilegiando l’intrinseco significato delle parole. Al riguardo e a maggior chiarimento si riporta una sua poesia.





Lascia sia il vento

di Margherita Guidacci



Lascia sia il vento a completar le parole
che la tua voce non sa articolare.
Non ci occorrono più le parole.
Siamo entrambi il medesimo silenzio.
Come due specchi, svuotati d' ogni immagine,
che l'uno all'altro rendono
un semplice raggio. E ci basta.




 
©2006 ArteInsieme, « 012624477 »