Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Greve o donna, il tuo paniere, di Rabindranath Tagore 03/03/2020
 
E per la festa della donna la poesia scritta da un uomo, un artista che credo non abbia bisogno di presentazioni, un genio che si immerge lui stesso e immerge il lettore nella natura, giungendo a un coinvolgente misticismo.




Greve o donna, è il tuo paniere

di Rabindranath Tagore



Affonda i piedi stanchi nell'acqua.
Il vento di mezzodì ti passerà le dita fra le chiome;
le colombe gemeranno le lor nenie suadenti al sonno,
le fronde bisbiglieranno i segreti che s'annidano nelle ombre.
Che importa se le ore trascorrono e tramonta il sole?
e attraverso la desolata landa la via
si perde nella luce vanente?
Laggiù è la mia casa, presso la siepe
del biancospino in fiore;
Preparerò un letto, e accenderò una lampada.
Sul mattino, quando gli uccelli sian destati dall'affannarsi
dei mungitori delle mucche, io sveglierò anche te.


 
©2006 ArteInsieme, « 012624283 »