Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Morte di una stagione, di Fernanda Pivano 30/08/2022
 
E’ stata una stagione torrida e siccitosa che ci ha quasi tramortito, ma ora che sta per andarsene scende un velo di malinconia, perché ci si avvia verso l’autunno, spesso gravido di pioggia e dispensatore di nebbie spettrali. I mesi che precedono l’inverno ci daranno la misura dello scorrere del tempo, ci ricorderemo allora dei giorni di sole trascorsi e ci sembreranno meno estremi; ci sentiremo più vecchi e d’improvviso stanchi nel grigiore di cieli opachi, di luce smorzata, di venti umidi e freddi. E allora mi sembra giusto salutare la fine di questa estate con una bella poesia di Fernanda Pivano (Genova, 18 luglio 1917 – Milano, 18 agosto 2009), una delle più grandi figure letterarie del XX secolo.




Morte di una stagione

di Fernanda Pivano



Piovve tutta la notte
Sulle memorie dell’estate.
Al buio uscimmo
Entro un tuonare lugubre di pietre
Fermi sull’argine reggemmo lanterne
A esplorare il pericolo dei ponti.
All’alba pallidi vedemmo le rondini
Sui fili fradice immote
Spiare cenni arcani di partenza
E le specchiavamo sulla terra
Le fontane dai volti disfatti.

 
©2006 ArteInsieme, « 012390004 »