Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Autunno, di Rainer Maria Rilke 22/10/2010
 

Il genio della spiritualità moderna alberga nelle liriche di questo poeta, condizionato nell'esistenza di esser senza patria, vagabondo errante fra spazi infiniti, alla ricerca di un rifugio sicuro e definitivo che riesce a trovare però solo in sé. Nato a Praga, morirà a Montreux di leucemia, lasciandosi dietro una scia di amore dolente e di ricerca di verità, che fanno di Rainer Maria Rilke uno dei più grandi poeti di tutti i tempi.

 

 

 

 

 

Autunno

di Rainer Maria Rilke

 

Le foglie cadono da lontano, quasi
giardini remoti sfiorissero nei cieli;
con un gesto che nega cadono le foglie.

Ed ogni notte pesante la terra
cade dagli astri nella solitudine.

Tutti cadiamo. Cade questa mano,
e così ogni altra mano che tu vedi.

Ma tutte questo cose che cadono, Qualcuno
con dolcezza infinita le tiene nella mano.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011470089 »