Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Meriggiare, di Eugenio Montale 14/12/2010
 

Poeta raffinato, un po' introverso, ma deciso nelle scelte, Eugenio Montale passa attraverso due guerre lasciando un segno indelebile, pur in presenza di una produzione piuttosto limitata.  Poche, quindi, le raccolte, come le poesie, in cui, per sua stessa ammissione, tratta della condizione umana, astraendo dal tempo e dal luogo, in una ricerca interiore volto a scoprire la pių intima essenza.

 

 

Meriggiare

di Eugenio Montale

 

 

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d'orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe dei suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch'ora si rompono ed ora s'intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com'č tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

 

(da Ossi di seppia)

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011469962 »