Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  La quercia caduta, di Giovanni Pascoli 01/02/2011
 

E' indubbiamente uno dei miei poeti preferiti, autore spesso di testi di facile richiamo e usati nelle scuole elementari per abituare gli alunni all'esercizio della memoria; tuttavia occorre riconoscere che molta della sua produzione non è solo armonia, ma ha contenuti di elevato valore, in cui si riflettono pene antiche per perdite non più sanabili, come la celebre La quercia caduta.

Da rilevare l'amara ironia fra le lodi e l'utilitarismo, una metafora dell'uomo che spesso sa essere più cinico che umano.

 

 

 

La quercia caduta

di Giovanni Pascoli

 

 

Dov'era l'ombra, ora sé la quercia spande
morta, né pia coi turbini tenzona.
La gente dice: «Or vedo: era pur grande! ».
Pendono qua e là dalla corona
i nidietti della primavera.
Dice la gente: «Or vedo: era pur buona! ».
Ognuno loda, ognuno taglia. A sera
ognuno col suo grave fascio va.
Nell'aria, un pianto... d'una capinera
che cerca il nido che non troverà.

 
©2006 ArteInsieme, « 011357138 »