Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  L'approdo, di Primo Levi 11/08/2011
 

Primo Levi poeta non stato da meno di Primo Levi narratore e cos ritroviamo nelle sue liriche quella struggente malinconia di fondo che propria di tutte le sue prose, quasi un male oscuro che ha accompagnato i passi della sua vita.

 

 

 

 

 

 

 

L'approdo

di Primo Levi

 

 

Felice l'uomo che ha raggiunto il porto,

Che lascia dietro di s mari e tempeste,

I cui sogni sono morti o mai nati,

E siede a bere all'osteria di Brema,

Presso al camino, ed ha buona pace.

Felice l'uomo come una fiamma spenta,

Felice l'uomo come sabbia d'estuario,

Che ha deposto il carico e si tersa la fronte,

E riposa al margine del cammino.

Non teme n spera n aspetta,

Ma guarda fisso il sole che tramonta.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011504990 »