Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Oh Capitano! Mio Capitano!, di Walt Whitman 28/09/2011
 

Walt Whitman (1819 1892) scrisse questa poesia nel 1865, dopo l'assassinio di Abramo Lincoln, nei cui versi il capitano, mentre la nave sono gli Stati Uniti d'America e il viaggio richiama le difficolt della guerra di secessione.

Si tratta di una lirica che presenta uno schema metrico convenzionale, cosa insolita per Whitman, di forte effetto grazie alle metafore, universalmente conosciuta, costituendo un preciso filo conduttore del noto film di Peter Weir L'attimo fuggente.

 

 

 

 

 

 

 

 

Oh Capitano! Mio Capitano!
di Walt Whitman

 

(traduzione di Renzo Montagnoli)

 

 

 

O capitano! Mio capitano! il nostro viaggio terribile terminato,

La nave ha superato ogni tempesta, l'agognato premio vinto,

Il porto vicino, odo le campane, il popolo tutto esultante,

Mentre gli occhi seguono la solida chiglia, l'audace e altero vascello;

Ma o cuore! cuore! cuore!

O le gocce di rosso sangue sul ponte

Dove disteso il mio Capitano

Caduto freddo e morto.

 

O capitano! Mio capitano! lzati e ascolta le campane; lzati,

Svetta per te la bandiera, suona per te la tromba, per te

I mazzi di fiori, le ghirlande coi nastri, le sponde nere di folla,

Chiamano te, le masse ondeggianti, i volti fissi impazienti,

Qua capitano! amato padre!

Questo braccio sotto il tuo capo!

solo un sogno che sul ponte

Cadesti freddo e morto.

 

Ma non risponde il mio capitano, immobili e livide le sue labbra,

Mio padre non sente il mio braccio, non ha pi polso n vita;

La nave ancorata sana e salva, il suo viaggio finito,

Torna dal tremendo viaggio col premio vinto la nave;

Rive esultate, e voi campane suonate!

Io con passo angosciato cammino sul ponte

Dove disteso il mio capitano

Caduto freddo e morto.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011505115 »