Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Addormentarsi adesso, di Nazim Hikmet 15/01/2012
 

E' indubbio che le sue poesie d'amore sono tanto stupende e attuali da continuare  a fare nuovi proseliti. E quel che non finisce di stupire è la loro freschezza, come se fossero scritte dalla mano di un ragazzo alla sua prima infatuazione, ma con la mente di un adulto ormai da tempo esperto e che inserisce anche versi intrisi di ideali.

 

 

 

 

 

 

 

 

Addormentarsi adesso

di Nazim Hikmet

 

“Addormentarsi adesso
svegliarsi tra cento anni, amor mio...

“No,
non sono un disertore.
Del resto, il mio secolo non mi fa paura
il mio secolo pieno di miserie e di scandali
il mio secolo coraggioso grande ed eroico.
Non ho mai rimpianto d'esser venuto al mondo troppo presto
sono del ventesimo secolo e ne son fiero.
Mi basta esser là dove sono, tra i nostri,
e battermi per un mondo nuovo...
“Tra cento anni, amor mio...
“No,
prima e malgrado tutto.
Il mio secolo che muore e rinasce
il mio secolo
i cui ultimi giorni saranno belli
la mia terribile notte lacerata dai gridi dell'alba
il mio secolo splenderà di sole, amor mio
come i tuoi occhi…”

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011505013 »