Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Passato, di Vincenzo Cardarelli 21/01/2012
 

Il ricordo di un amore passato in versi di misurato accoramento.

 

 

Passato

di Vincenzo Cardarelli

 

 

I ricordi, queste ombre troppo lunghe
del nostro breve corpo,
questo strascico di morte
che noi lasciamo vivendo
i lugubri e durevoli ricordi,
eccoli giā apparire:
melanconici e muti
fantasmi agitati da un vento funebre.
E tu non sei pių che un ricordo.
Sei trapassata nella mia memoria.
Ora sė, posso dire che
che m'appartieni
e qualche cosa fra di noi č accaduto
irrevocabilmente.
Tutto finė, cosė rapito!
Precipitoso e lieve
il tempo ci raggiunse.
Di fuggevoli istanti ordė una storia
ben chiusa e triste.
Dovevamo saperlo che l'amore
brucia la vita e fa volare il tempo.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011505056 »