Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Volarono, di Giuseppe Ungaretti 19/02/2012
 

Un Ungaretti un po' diverso, in quell'afflato con la natura, intriso di una rassegnata malinconia, sull'onda quasi del poetare pascoliano.

 

 

 

 

 

 

 

Volarono

di Giuseppe Ungaretti

 

 


Di sopra dune  in branco pavoncelle
Volarono e, quella sera, troppo vitrea,
Si ruppe con metallici riflessi
A lampi verdi, turchini , porporini.
Pavoncelle calate qui ,
In Sardegna svernato, l'altro giorno.
Le odo, mentre camminano non viste,
Che, frugando se capiti un lombrico,
Per non smarrirsi, di gi buio, stridono.
 Tornate al nido, all'alba domattina.

Lo troveranno vuoto,
E la prima dozzina degli ovetti
Scovati < Zitti! Piano!  ) dai monelli.

Si porta in bicicletta a Guglielmina,
  Primavera.

 
©2006 ArteInsieme, « 011505161 »