Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Croce di Sentieri, di Mario Luzi 13/03/2012
 

Ne ha scritte tante e molte assai belle, ma questa, ogni volta che la rileggo, mi pervade di malinconica serenitą, con quella natura che mi entra dentro e mi dą la misura della mia piccola realtą, un atomo di polvere di stelle che si brucia in un infinitesimo dell'eternitą.

 

 

 

 

 

Croce di Sentieri

di Mario Luzi
















Sfuma l'acqua precipite i pendii,
pił le siepi non ronzano e le more
si coprono di bruma. Tu devii
dalla tua ombra, a poco a poco č sera.

Vaghe, pił vaghe errano dietro un velo

di polvere le vespe, i cani ansanti

e le viottole: l'aria intorno al melo
s'annebbia, un breve spirito trascorre.

I ruscelli profumano di miele
e di menta svanita sotto i ponti
minuscoli ove passi insieme al sole
ed ai lenti colori della vita.

Dietro i tuoi quieti passi che mi lasciano
qua seduto sull'argine nel bianco
splendore della polvere, che fugge,
che si stacca per sempre dal mio fianco?

La voce dei pastori nelle gole
dei monti si raggela, dalla selva
esce fumo e si tinge di viola,
le mie vesti si velano di brina.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011357095 »