Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Girovago, di Giuseppe Ungaretti 12/04/2012
 

Da volontario nel primo conflitto mondiale a convinto pacifista, dopo aver sperimentato gli orrori della guerra, ed Ŕ per questo che il poeta brama un paese che non sia stato oggetto di distruzioni e abbia patito un evento bellico.

 

 

Girovago

Campo di Mailly maggio 1918

di Giuseppe Ungaretti

 

 

In nessuna

parte

di terra

mi posso

accasare

A ogni

nuovo

clima

che incontro

mi trovo

languente

che

una volta

giÓ gli ero stato

assuefatto

E me ne stacco sempre

straniero

Nascendo

tornato da epoche troppo

vissute

Godere un solo

minuto di vita

iniziale

Cerco un paese

innocente

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011357022 »