Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista ad Andrea Franco 01/06/2006
 

L'intervista è ad Andrea Franco, romano classe 1977, narratore, musicofilo, fotografo, insomma un artista del tutto eclettico. Per chi volesse saperne di più è opportuno che faccia una visita ai suoi siti (http://www.operanarrativa.com/) (http://www.andreafranco.net/).

 

 

 

Perché scrivi?

 

Scrivo perché mi piace dare vita a qualcosa che no esiste, ma che magari ho il piacere di rendere vivo, per un'infinità di motivi. In passato mi piaceva dare vita a particolari emozioni o “attimi” rubati alla quotidianità. Alcuni miei brevi racconti sono nati in questo modo: un'idea (emozione) di fondo e una storia che cerca di riprodurre l'effetto desiderato. Ho fatto così con racconti tipo La buonanotte del demone, tre semplici sconosciuti, Colori… Alcune volte scrivo storie che mi piacerebbe leggere e di conseguenza vivere, perché credo che molto spesso in quello che leggiamo cerchiamo una realtà “Altra” che ci sfugge nella vita di tutti i giorni. Ma è l'emozione quella che cerco più spesso di creare, un'emozione di qualunque tipo, non necessariamente positiva. E per farlo i racconti (o i romanzi) devono essere “sentiti” in primis dall'autore. Mi piacce molto creare personaggi riflessivi e spesso i miei racconti hanno una “non trama” che costringe il lettore a cercare qualcos'altro. Con i romanzi è diverso, lì la mia personalissima “non trama” è inclusa in un progetto più ampio (dove la trama è doverosa) e ultimamente il piacere di essere scrittore di romanzi anziché di racconti sta prendendo il sopravvento. Posso creare mondi reali e far muovere personaggi che sembrano vivi, almeno nelle mie intenzioni. Il personaggio non è asservito alla trama, ma ne è parte integrante. Mi sto dilungando lo so, ma la risposta è complessa e sento di non aver detto tutto, ma per adesso mi fermo. Scrivo perché mi piace. E mi piace che altri possano leggere il mio mondo.

 

 

 

Alla base di tutte le tue opere c'è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

Non sempre. A volte i personaggi portano il mio modo di pensare, ma non tutti e non sempre con la stessa intensità. Ma non c'è un messaggio preciso. C'è la voglia di raccontare, il bene come il male. C'è la voglia di emozionare e piacere (a me stesso per prima cosa).

 

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

Fondamentale, non importante. Solo un accanito (e attento) lettore può scrivere qualcosa di decente, e non è detto lo stesso che sia così. Io leggo sempre con un taccuino a portata di mano e prendo appunti su a appunti. Lessico, espressioni, concetti, stile, struttura… non è copiare, ma imparare e sapere applicare con personalità. Poi ognuno di noi ha un suo stile e un suo modo di usare il lessico e una capacità d'inventiva che è solo sua. Si può migliorare, ma non diventare di punto in bianco scrittore di narrativa. Se ce l'hai questa capacità la devi curare e sviluppare. Leggendo, soprattutto. E senza mai pensare di essere arrivato.

 

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Leggo un po' di tutto, anche se a dire il vero pochi classici. Amo la fantascienza, il fantasy, thriller, avventura, gialli, horror… amo la narrativa non di genere, quella che adesso tutti chiamano mainstream!

I miei autori preferiti? Tolkien, Asimov, Follett, McBain, Baricco, Eco, W. Smith, Simmons e tanti altri ancora…

Mi piace inoltre leggere saggi di ogni tipo, ma soprattutto di storia e linguistica.

 

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

Scrivo da sempre… ricordo le prime poesie che facevo alle elementari e che cercavo di spacciare come poesie famose. Non mi credeva nessuno, e continuavo a scrivere. I miei primi racconti risalgono a poco più di dieci anni fa. Alcuni di questi sono inclusi nella raccolta Tre Semplici Sconosciuti che nel 2005 ho pubblicato con Traccediverse.

 

 

 

I tuoi rapporti con l'editoria.

 

Sono iniziati nel 2005 e finora (tra alti e bassi) mi ritengo abbastanza soddisfatto. Non è facile e i grandi nomi (e i medi, pure) non danno molta attenzione ad autori sconosciuti, ma non mi perdo d'animo e continuo a insistere. Nel 2005 come già detto ho pubblicato la mia prima raccolta di racconti con Traccediverse. Nello stesso anno due miei racconti sono stati inclusi nell'antologia Bambini Cattivi (Melquiades, 2005). E sempre per Traccediverse ho curato un'antologia noir di cui sono anche autore: N.O.I.R. Quindici passi nel buio.

Il 2006 è ancora lungo e ci sono un paio di partecipazioni importanti che dovrebbero andare in porto… nel frattempo il mio romanzo “la panchina” è in visione presso molti editori… vedremo!

 

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Sicuramente una saga fantasy. Il progetto già c'è e il primo libro dovrebbe essere finito entro l'anno.

In più sto progettando (e ho già iniziato un romanzo) una serie di polizieschi ambientati a Roma.

 

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

No di certo, ma ha reso tutto molto più affascinante, perché impari a dare valore a ogni cosa, visto che molto di quello che ti passa per la testa o che vedi di sfuggita può diventare un paragrafo di un racconto o di un romanzo. Controllo, osservo (a volte troppo) e mi faccio una marea di domande. Da questo punto di vista la mia vita è diversa, ma anche senza scrivere sarei stato curioso lo stesso, no?

 

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

A rischio di essere banale: Leggere. E osservare. E anche una buona dose di autocritica. E di non rompere le scatole ai parenti o agli amici che la maggior parte delle volte non hanno il coraggio di dirti che scrivi da fare schifo. Trovare un gruppo di persone veramente interessate alla scrittura/lettura (forum, circoli…) e che sappiano, se ce n'è bisogno (spesso) anche criticare. Altrimenti non si cresce. E non si pubblica.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 013807432 »