Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  L'intervista di Salvo Zappulla a Enrico Gregori, autore di” Un tè prima di morire”, edito da Bietti 28/02/2009
 

Salvo Zappulla intervista Enrico Gregori, autore di Un tè prima di morire, edito da Bietti.

 

 

Enrico, il tuo romanzo sembra prendersi gioco delle debolezze umane, scritto quasi con irriverenza. E' così?

   

   I deboli sono capaci di impennate “eroiche” così come i più spietati hanno i loro punti deboli e le loro fobie. Sì, è quello che penso.

 

Quanto ha influito il tuo mestiere di giornalista in questo noir?

 

    Moltissimo per quanto riguarda tecniche e strumenti investigativi. Ma anche per la comprensione della psicologia dei “detective”.

 

E' più fantasiosa la vita o la letteratura?

   

   Ho imparato che la vita riserva sorprese clamorose. Se la letteratura si limita a raccontare la vita, romanzandola un po', è già un bel risultato.

 

Il tuo linguaggio è piuttosto crudo, non lesini a descrivere scene di sesso, usando termini per niente edulcorati. E' una tua maniera di raccontare la realtà senza inutili e ipocriti perbenismi?

 

   Il perbenismo lo ritengo innocuo se non addirittura dannoso. Insomma non serve a nulla. Sono per il “verismo”, con tutto il rispetto per “maestro” Verga. Nei prossimi libri sarò, secondo me, addirittura più crudo anche se le scene di sesso saranno decisamente soft.

 

 E' più difficile raccontare la cronaca o il sogno?

 

   Credo la cronaca. I sogni sono opinabili. Ognuno sogna i propri.

 

Si coglie una vena sottile d'ironia tra le pagine, quasi distaccata, come se in fondo tutto è destinato a procedere secondo regole al di sopra di noi umani e non si può far altro che prenderne atto o sorridere amaro. E così?

  

   Più o meno. Credo che la vita abbia le sue regole. Tu puoi anche stravolgerle ma prima o poi la vita ti presenterà il conto. Se sei disposto a pagare il prezzo delle tue “trasgressioni” è un piccolo salvataggio, altrimenti soccombi.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011373468 »